OmniAuto.it

31 agosto 2014

Codice della strada: i 10 trucchi dei Comuni furbetti

Nella foto, la sicurezza stradale…

Hai  voglia a dire: andiamo a leggere che cosa dice il Codice della strada. In realtà, quelle norme sono scritte così male che ogni Comune le interpreta come vuole. Faccio 10 esempi.

1) Gli autovelox. I Comuni possono usarli in città? La faccenda è quanto mai controversa. Perché serve l’ok del Prefetto solo su determinate strade ad alto scorrimento. Certo che però poi se mi porti il limite da 70 km/h a 50 km/h vinci facile: più multe e più incassi.

2) Le telecamere. Basta un cartello per avvisare gli automobilisti che c’è un controllo elettronico? Attenzione: è troppo facile piazzare mille telecamere con altrettanti cartelli. E allora, che si fa: si trasforma ogni … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 17:33


Nessun commento Leggi tutto


27 agosto 2014

Multe notificate oltre il tempo massimo: facsimile ricorso

I Comuni hanno fame del tuo denaro

Pare che qualche Comune sia così mentalmente schizzato all’idea di far quattrini da interpretare a capocchia l’articolo 201 del Codice della strada. Che dice una cosa semplice: il Comune deve inviarti a casa la multa entro 90 giorni dall’accertamento dell’infrazione. E cosa fanno taluni Comuni furbetti? Calcolano i 90 giorni da quando i vigili visionano la foto dell’autovelox. Se questo succede, e la multa arriva tardi, fuori tempo, fate ricorso.

Ufficio Del Giudice di Pace di xxx

Ricorso in opposizione a sanzione amministrativa

ex art.204 bis c.d.s.

Oggetto: ricorso in opposizione a sanzione amministrativa. [...]

In particolare detta autovettura, al momento del rilevamento (effettuato tramite strumento Autovelox 104/C2) avrebbe circolato alla velocità effettiva … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 00:47


Nessun commento Leggi tutto


5 agosto 2014

Ode a te, Carlo Cottarelli, che della scena politica sei l’unico personaggio a divertirmi

Cottarelli, Mr. Scimitarra

La politica italiana di oggi è profondamente noiosa. Ci sono persone arrivate lì per caso, messe lì perché hanno conoscenze importanti. Ci sono altri che ripetono una specie di lezioncina per le casalinghe sciocche: quattro parole in croce, due blande promesse, mezzo annuncio in tv e via così. Altri ancora sono andati a letto (quei 30 secondi, non di più) con il politico giusto al momento giusto. Il mondo dell’auto è uno “zoo” molto utile in questo senso: in Italia sta morendo. E i nostri eroi che ci governano, a turno, lo uccidono ancora di più affossandolo con tasse, accise, super-imposte. È un ambiente … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 23:04


1 commento Leggi tutto


2 agosto 2014

“Fisiologia clinica alla guida” di Aldo Ferrara: tutte le patologie nemiche in auto

Per gli automobilisti e per gli addetti ai lavori

“Questo volume serve a scongiurare alcuni possibili pericoli alla guida, se si è affetti da patologie croniche o se, in pieno benessere, si affronta un viaggio durante il quale avviene un evento drammatico come un malore improvviso. Mettere a rischio la propria e l’altrui vita spesso può dipendere da un limite molto sottile: la coscienza del rischio nel mettersi in viaggio quando non si sta bene, quando si assumono farmaci, quando c’è il possibile rischio di un malore di cui avvertiamo i prodromi. L’imponderabile resta tale ma il prevedibile va dimensionato nel suo giusto ruolo”. A parlare è Aldo Ferrara, professore di malattie cardiopolmonari dell’Università di Siena, … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 17:05


Nessun commento Leggi tutto


26 luglio 2014

Il Seveso e la buca di 12 metri in corso di Porta Romana fanno sprofondare Milano nel Medioevo di Pisapia e Maran

Milano muore lì sotto

Con il sindaco Pisapia e il suo “ministro” Maran, Milano è sprofondata nel Medioevo. Arrivi alla stazione Centrale e nella migliore delle ipotesi ti becchi un infarto: stranieri che ti vogliono aggredire, persone di etnia misteriosa che ti aggrediscono verbalmente. Il centro, in auto, è accessibile solo ai ricchi: c’è la gabella di 5 euro. Per parcheggiare, devi pagare l’impossibile sulle strisce blu. Infilandosi come un serpente a sonagli fra le pieghe di un Codice della strada scritto coi piedi (lo stanno riscrivendo, non per niente), il Comune ha pressoché eliminato la sosta gratuita. Le strade fanno pietà: ci sono crateri ovunque. Eppure, l’Area C macina 25 milioni di … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 16:56


1 commento Leggi tutto


20 luglio 2014

Multe, autovelox, responsabilità: secondo l’Anci, qualsiasi accadimento negativo per i Comuni è il male nel mondo

Anci, sempre più forte

L’Associazione dei Comuni italiani (Anci) è una lobby sempre più forte. Il motivo? Semplice: le Province stanno morendo, e le Regioni si stanno sputtanando per i continui scandali di voracissimi politici che non si accontentano di stipendi munifici. L’opera di lobbying dell’Anci, legittima e anche encomiabile (ognuno al mondo fa il proprio lavoro nel migliore dei modi), si manifesta soprattutto in materia di sicurezza stradale. Quando il ministro dei Trasporti Lupi (e non un blogger come me) ha detto che gli autovelox finti nei box arancione e le multe per chi sfora sulle strisce blu sono illegittime, l’Anci ha iniziato a strillare come un’aquila. Risultato: tavolo con il … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 10:07


1 commento Leggi tutto


10 luglio 2014

Un motivo in più per liberarsi dell’Aci e del Pra

Provvedimento senza senso

Con un provvedimento che farebbe arrossire i capi tribù dell’Africa centrale, è stata data una mazzata terribile al mercato auto italiano. In buona sostanza, ora è più difficile esportare dall’Italia le auto usate. Lo ha deciso il Pubblico registro automobilistico, Pra per i raffinati, gestito dall’Automobile club d’Italia, Aci per gli amici. Il tutto mentre si parla sempre più insistentemente di accorpamento Pra (Aci)-Motorizzazione.

Niente più radiazione per esportazione “preventiva”. Dal 14 luglio 2014, non sarà più possibile restituire le targhe e i documenti (carta di circolazione e certificato di proprietà) e cancellare i veicoli dal Pra senza la loro preventiva reimmatricolazione all’estero. Devi allegare, alla richiesta di radiazione, la fotocopia della carta di circolazione … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 22:17


64 commenti Leggi tutto


1 luglio 2014

Assemblea Ania: lesioni fisiche gravi. Il malinconico intervento del ministro Guidi a favore delle Assicurazioni

Caro ministro, non l'ho capita

L’Ania è la Confindustria delle Assicurazioni; e se l’Ania organizza una propria assemblea è anche scontato che dica solo cose a favore delle Assicurazioni. In particolare, come sempre, l’Ania insiste sulle lesioni fisiche gravi: dice che i risarcimenti vanno ridotti. Il fatto è che, se all’assemblea Ania ci va il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, allora sarebbe lecito attendersi una posizione a favore dei consumatori da parte del ministro, o almeno equidistante. E invece, poche ore fa, all’assemblea Ania il ministro Guidi ha detto che bisogna abbassare il risarcimento del danno alla persona per potere ridurre le tariffe assicurative. La denuncia arriva dall’Associazione vittime della strada.

Fa tristezza un ministro … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 23:22


5 commenti Leggi tutto


28 giugno 2014

Il presidente Ivass Salvatore Rossi punta ad “abbattere l’asimmetria informativa tra assicuratori ed assicurati in materia di frodi”: che diavolo ha detto?

Un pensiero tormenta Ezio Notte: ma Rossi che ha detto?

Dal 1994 al 2013, le tariffe obbligatorie Rca hanno registrato aumenti del +248% per le auto e fino al +480% per le moto: lo ha detto Federconsumatori. Ma per le Assicurazioni le cose non stanno così. È sempre difficile capire di quanto salgano le Rca, perché entrano in gioco infiniti parametri. Per capirci, se si prendono in considerazione i 18enni di Napoli, allora i rincari Rca sono spaventosi; invece, se si analizzano gli automobilisti di Aosta in prima classe di merito, i rincari saranno tiepidi. Comunque sia, il problema Rca esiste: questo lo riconosce anche l’Ivass, l’autorità che vigila sulle Assicurazioni. Che ha appena pubblicato … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 23:34


Nessun commento Leggi tutto


21 giugno 2014

Rc auto elettronica: che pagliacciata italiana

Le chiacchiere dei politici

Se in Germania succedesse una cosa del genere, l’indomani mattina i responsabili sarebbero tutti a casa. Col curriculum così sporcato e zozzo che non troverebbero posto neppure per abbaiare alla Luna. Ma siamo in Italia, e al politico medio basta fare un annuncio in tv, con un tg compiacente, per farsi bello. La sparata riguarda i controlli elettronici della Rc auto. Siccome siamo in quattro milioni senza Rca, qui in Italia, allora eliminiamo il contrassegno cartaceo. Al suo posto, un tagliando elettronico. Il poliziotto – con un dispositivo ultra-moderno – verifica al volo se l’auto ha la Rca. Oppure una telecamera controlla se la macchina ha la polizza. Tutto in automatico. Un … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 18:26


Nessun commento Leggi tutto


Post Vecchi »