OmniAuto.it

6 maggio 2010

“T-Red omologati? Multe valide? Vedremo”. Evviva la Procura di Verona! Forza Schinaia, forza Ardito!

Dai Verona, insisti!

Dai Verona, insisti!

Prima i quotidiani ci hanno raccontato che le multe date dal T-Red non erano valide; poi, d’improvviso, ci hanno spiegato che invece i verbali sono regolari: risultato, entrambe le informazioni erano false, parziali, confuse. E si contraddicevano l’un con l’altra. Ma finalmente un quotidiano ci regala un articolo scritto con cognizione di causa. Via corrieredelveneto, a firma Andrea Priante. In corsivo, quanto scritto da lui.

Il Procuratore capo di Verona, Mario Giulio Schinaia, è categorico: “L’inchiesta non crolla. Faremo il processo e il giudice valuterà se il comportamento di amministratori e privati era illecito. Il ministero può dire quel che vuole, noi procederemo per qualunque fatto rappresenti un reato”.

Il contendere fra Procura di Verona e ministero dei Trasporti era l’omologazione dei T-Red.

E ora che proprio il ministero, dopo aver concluso gli accertamenti, sostiene che invece gli apparecchi erano omologati, il Pm assicura che il quadro complessivo non cambia.

Il sostituto Valeria Ardito contesta all’inventore dei T-Ted, l’ingegnere milanese Stefano Arrighetti, il reato di frode nelle pubbliche forniture.

“Nei mesi scorsi – spiega Ardito – avevamo verificato, proprio a Roma, la mancanza dell’omologazione. A ogni modo, anche se saltassero fuori nuovi documenti, questo non pregiudicherebbe l’inchiesta. Le accuse che coinvolgono altri indagati riguardano la durata del giallo e i falsi verbali che sarebbero stati fatti dalla Polizia locale”. Come a dire: anche se cade uno dei reati, l’inchiesta regge ugualmente.

Illuminante la conclusione.

E anche se i T-Red dovessero effettivamente risultare omologati difficilmente verrà messo in discussione l’annullamento delle sanzioni già disposto dai Giudici di pace.

Una presa di posizione, quella della Procura di Verona, che trova noi di Automobilista.it perfettamente concordi. Facciamo il tifo per Schinaia e per Ardito con tutte le nostre forze. Per quanto riguarda l’omologazione del T-Red, come poteva il ministero dei Trasporti, che aveva dato l’ok al T-Red nel 2005, fare adesso marcia indietro? Poteva mai dire: ah, ci siamo sbagliati, i milioni di multe sono da cestinare?

di Ezio Notte @ 21:50


4 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 4 Commenti

  1. e vai anche qui ho qualcosa da condividere con la procura di verona in merito all’inchiesta, se puo’ essere utile io darei anche un’occhiata ai velox che vi sono installati in venaria (TO), fate qualcosa anche li inviano le multe a mio avviso irregolari ho gia’ pagato un velox sforando addirittura di 12 all’ora la velocita di 70 consentita, speriamo che ualcuno la legge io tutto l’accertamento che ho fatto ed il ricorso fatto al giudice di pace di torino mi ha dato torto nonstante avessi segnalato l’irregolarita sui fotogrammi e allora questa non e’ giustizia.
    IO FARE UNA LEGGE AD DOC E CIOE’ METTEREI SOLO IL SEMAFORO ROSSO IN CITTA E FAREI PER LEGGE PERO’ TARARE ALMENO 10 SECONDI IL GIALLO IN MODO TALE CHE IL CONDUCENTE POSSA SGOMBERARE TRANQUILLAMENTE L’INCROCIO, MI SEMBRA CHE QUESTA MODIFICA SI POSSA PORTARE AVANTI MI SEMBRA SEMPRE SE IL PDL PERMETTA MA VEDIAMO DI PORTARE ANCHE QUESTA PROPOSTA E VAI!!

    Commento by franco — 6 maggio 2010 @ 23:41

  2. […] il Comune piazza un semaforo intelligente (un apparecchio che rileva chi passa col rosso) ha due modi per fregarti i […]

    Pingback by Semafori intelligenti: la vergogna dei tempi di latenza | Automobilista.it — 8 maggio 2010 @ 18:43

  3. […] sia un giro losco. Basta attendere. Però lo ammettiamo: facciamo il tifo in modo sfrenato per la Procura di Verona. Abbiamo le bandiere in curva e i cori inneggianti ai […]

    Pingback by Il T-Red resta sotto sequestro: avevamo visto giusto | Automobilista.it — 26 luglio 2010 @ 22:10

  4. IL VELOX INSTALLATO IN VENARIA E PRECISAMENTE ALL’USCITA
    DI VENARIA PER TORINO ACIRCA 250 METRI DALLO STADIO DELLE ALPI, INSOMMA SONO STATO MULTATO DI 169 EURO PIU’ CINQUE PUNTI SULLA PATENTE HO SUPERATO COME DICONO LORO DI 12 KM ORA I 70 CONSENTITI,HO FATTO RICORSO ANCH’IO SUI FOTOGRAMMI, SULLA DISTAMZA CHE DEVE AVVENIRE DOPO UN INTERSEZIONE SISTEMATO A CIRCA 400 METRI ORA NON SO COME SONO LE REGOLE E POI LA NOTIFICA ARRIVATA SEMPRE DA FUORI COMPILATA IN AUTOMATICO MA NON SO’ FORSE HO PAGATO A VUOTO?
    BE SE AVETE BISOGNO DELLA MIA SENTENZA CHE I FA RIDERE PURTROPPO LO ACCETTATA E BASTA MA SE CE GIUSTIZIA SU QUESTA TERRA FATEVI AVENTI GLI ONESTI !!!!!!!!!
    CIAO!!!!!!!

    Commento by franco — 12 settembre 2010 @ 21:15

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.