OmniAuto.it

5 gennaio 2013

Anno 2013: sarebbe triste se vincessero ancora gestori autostradali e Comuni

Le lobby e i vostri soldi

I gestori autostradali che non hanno fatto investimenti adeguati si sono visti, giustamente, bloccare gli aumenti dei pedaggi dal Tesoro. È un provvedimento perfetto, seppure tardivo. Infatti, il Governo Monti doveva mettere in piedi un’Authority per controllare i gestori autostradali, ma all’ultimo ha fatto marcia indietro. Il motivo? Le violente (ma lecite) pressioni delle potentissime lobby deu gestori. Ora, nel 2013, col futuro Governo, sarebbe ben triste se alle concessionarie cui è stato sospeso l’aumento venisse concesso il rincaro dei pedaggi.

Discorso analogo per i Comuni, che succhiano l’anima degli automobilisti con le multe da autovelox. Nel 2010, la Legge prevedeva che metà proventi andassero ai proprietari delle strade; ma occorre un Decreto perché questo accada. Decreto che doveva assolutamente sfornare il Governo Monti: è andato avanti a furia di Decreti, non si capisce perché proprio questo Regolamento attuativo non l’abbia partorito. O meglio, si capisce eccome. Pressione delle lobby dei Comuni. Che nel 2012 hanno stravinto: Imu, incassi degli autovelox. Soldi a palate. Eravamo rimasti che gli Enti locali dovevano essere mangiati vivi dall?Esecutivo dei tecnici, gli ultra liberalizzatori. E invece, sono lì che stritolano il cittadino e, in particolare, l’automobilista: sarebbe ben triste se neppure nel 2013 il Decreto attuativo contro gli autovelox ingiusti non arrivasse. Altro che liberalizzazione. Sarebbe Medioevo politico.

foto torange-it.com

di Ezio Notte @ 19:18


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.