OmniAuto.it

31 ottobre 2010

Auto blu, ce la farà Brunetta?

Questa sì che è un'auto blu!

Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione, vuole risparmiare 200.000 euro in auto blu. I settori di intervento sono numerosissimi: ve ne citiamo solo alcuni. Resta da vedere de Brunetta ce la farà. Noi la vediamo molto dura…

1) Verifica e riduzione dei soggetti legittimati all’uso di autovetture di servizio.

2) Estensione delle limitazioni per l’acquisizione delle autovetture a quelle di cilindrata superiore a 1.400 cc.

3) Conferma, con alcune ulteriori restrizioni, dei limiti di utilizzo delle autovetture di servizio di uso esclusivo e non; l’istituzione per le amministrazioni centrali (in collaborazione con l’Aci) del registro inventariale telematico delle auto in proprietà, leasing o locazione e noleggio a lunga scadenza (superiore ai tre mesi), con l’obbligo di registrazione per tutte le amministrazioni entro tre mesi.

4) Diffusione di convenzioni Consip con società di tassisti o di trasporto con conducente nonché con le case automobilistiche per locazione con costi prefissati per chilometri.

5) Diffusione di modelli di car sharing senza e con autista (soprattutto nelle aree metropolitane), al servizio di più Pubbliche Amministrazioni operanti nella stessa area.

6)
Diffusione con accordi Consip di strumenti, apparecchiature e software per la identificazione in tempo reale del conducente abilitato per ogni autovettura, delle persone trasportate, del chilometraggio percorso, del tempo in cui l’auto è stata in moto e del consumo di carburante; l’adozione da parte della PA di un piano triennale di riduzione della spesa con l’obiettivo che entro il 2014 non superi del 60% quella sostenuta nel 2009.

Secondo noi, gli metteranno il bastone fra le ruote: un politico, anche piccolissimo. piuttosto che mollare un’auto blu si fa ammazzare. Anche perché non tutti collaborano

foto flickr.com/photos/nox_noctis_silentium

di Ezio Notte @ 00:07


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.