OmniAuto.it

14 marzo 2012

Auto protetta: il modello previsionale

Auto Protetta

Il 9 marzo è stata presentata un’iniziativa che vuol dare valore al mercato delle auto “non nuove”, che possono essere la reale alternativa all’acquisto di un nuovo veicolo. È nata la rete di concessionari Auto Protetta, dove il consumatore entrerà senza più il timore di sorprese dopo l’acquisto. Il sistema si basa su un processo di vendita rigorosamente coerente con il Codice del consumo, per tutelare con la stessa efficacia chi compra e chi vende: norme che hanno reso superati gli approcci tradizionali alla garanzia dei veicoli usati.

Il sistema Auto Protetta nasce dall’esperienza di Raffaele Caracciolo, fondatore del settore auto dell’Adiconsum: la Motive Service s.r.l., leader del mercato nel settore della gestione di garanzia, ha acquisito i diritti per la realizzazione del progetto, aggiungendovi le competenze acquisite nella gestione di oltre 100.000 guasti su veicoli usati.

L’innovazione fondamentale è costituita da un modello previsionale, che, a differenza degli stati d’uso o certificati di conformità tradizionali, è basato sul ciclo di vita dei sottosistemi che compongono un’auto. Il modello previsionale sarà lo strumento che consentirà di rendere consapevole il consumatore di quello che ragionevolmente può aspettarsi dall’acquisto di quel veicolo.

Il concessionario AP, nel pieno rispetto del Codice del consumo, potrà gestire nella massima trasparenza il processo di post-vendita. Si prevede di associare alla rete circa 100 Concessionari entro l’anno, che avranno a disposizione una rete di officine autorizzate AP, abilitata all’esecuzione della manutenzione ordinaria e straordinaria.

di Ezio Notte @ 23:59


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. Il sistema nasce per ridare dignità all’auto usta, permettendo agli operatori di spessore di differenziarsi dalla massa di Operatori incapaci di svincolarsi da pratiche e metodi che hanno allontanato il Consumatore dai Professionisti, creando L’anomalia tutta aItaliana del 60% dei passaggi di proprietà fatti tra privat.

    Commento by Raffaele Caracciolo — 24 marzo 2012 @ 14:55

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.