OmniAuto.it

27 maggio 2010

Automobilista strozzato senza pietà. Ma con distinzioni regionali

Ti manca l'aria, caro automobilista italiano?

Ti manca l'aria, caro automobilista italiano?

Aumenta tutto e in modo considerevole per l’automobilista italiano. I rincari sono tali e così diversificati a seconda della zona che diventa difficile fare una media nazionale. Un napoletano di 27 anni in decima classe di merito pagherà solo di Rc auto 1.500 euro l’anno, contro i 1.000 di un bolognese. A Milano l’Ecopass prende a calci chi ha un’auto vecchia; invece a Roma in centro ci entri senza problemi. A Caserta una polizza contro il furto ti scuoia; ad Aosta ti fa il solletico. E poi ci sono le mazzate uguali per tutti: multe, bolli auto (anche se la tassa varia a seconda della potenza e della classe d’inquinamento della vettura), carburante assassino per il portafogli, pedaggi.

A proposito di questi ultimi, sono in arrivo mazzate anche per chi va sui raccordi, gestiti dall’Anas, che portano alle autostrade: vedi il Grande raccordo anulare. E magari una bella legnata anche per l’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria (vedi OmniAuto.it).

Così lo strangolamento è completo.

foto flickr.com/photos/victoriapeckham

di Ezio Notte @ 22:12


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] io vado su un’autostrada privata, pago un pedaggio a un’azienda. Si può discutere sulla tariffa in rapporto alla qualità del servizio […]

    Pingback by La tassa sulla tassa della tassa: i pedaggi sui raccordi | Automobilista.it — 27 maggio 2010 @ 22:24

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.