OmniAuto.it

27 gennaio 2011

Autovelox di Firenze, Ecopass di Milano: col cavolo che i Comuni mollano l’osso!

I Comuni tengono duro...

Firenze, contro i famosi autovelox di viale Etruria e compagnia, arrivano i primi ricorsi vincenti: multe annullate dai Giudici di pace. I motivi? Numerosi. Fra gli altri, le strade in questione non sono riconducibili alla classificazione di strade di scorrimento, le uniche nei centri urbani dove possono essere installati autovelox senza la presenza di agenti delle Forze dell’ordine. Per non parlare dell’autovelox di viale Etruria (in uscita dalla città): è dietro a un palo della luce, e il segnale di preavviso è circondato da segnaletica e striscioni. L’autovelox in viale Gramsci, poi, non ha segnale di preavviso per chi proviene da viale Mazzini/viale Bernardo Segni.

Ecopass. All’inizio una marea di multe ingiuste. Poi doveva ridurre lo smog. Milano è conciata così male, che arrivano i blocchi del traffico. L’Ecopass è un morto che cammina.

Ma non ci pare che gli autovelox di Firenze e l’Ecopass vengano spenti o che i Comuni ammettano l’errore.

Tutta una lurida questione di soldi, il demonio in Terra.

foto flickr.com/photos/wakxy

di Ezio Notte @ 22:28


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. Abbiamo ricevuto alla fine di gennaio 2011 una multa di 88 euro per mancato pagamento ecopass a Milano, datata 21 OTTOBRE 2010… peccato che noi l’ecopass quel giorno l’avevamo regolarmente pagato, ma capirete se vi dico che ormai la ricevuta non è più in nostro possesso… ora faremo ricorso, ma quanti casini! Qualcuno mi sa dire per quanto tempo è obbligatorio conservare la ricevuta del pagamento ecopass? Grazie. ilariacapelli@libero.it

    Commento by Ilaria — 28 gennaio 2011 @ 20:47

  2. La vedo dura. Prova con lo 02 02 02. Magari loro ti dicono che haii ragione e ti inviano un Sms o un email. Poche possibilità…

    Commento by Ezio Notte — 29 gennaio 2011 @ 19:27

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.