OmniAuto.it

31 agosto 2010

Autovelox: la nostra interpretazione del nuovo Codice della strada

Caos autovelox

Una delle norme più eclatanti del nuovo Codice della strada riguarda la distanza fra il cartello che indica il limite di velocità e l’autovelox. Non è una norma di semplice lettura, come tutto il nuovo Codice del resto, se è vero che diverse circolari ministeriali (e non è finita qui) hanno chiarito numerosi punti controversi.

1) Fuori città, le postazione fisse degli autovelox devono essere installate almeno un chilometro dopo il cartello che indica il limite di velocità.

2) L’obbligo vale solo se ci sono limiti particolari. Non vale se ci sono i limiti normali per quel tipo di strada. Esempio: l’obbligo del chilometro di distanza vale su una strada statale dove il limite normale è di 90 km/h, ma in quel tratto è di 70 km/h.

3) L’obbligo vale per le postazioni fisse senza agenti delle Forze dell’ordine. Non vale per le postazioni mobili.

Se ne sapete di più, i commenti sono a vostra disposizione.

di Ezio Notte @ 22:47


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. […] politici hanno modificato gli articoli 177 e 189 del Codice della strada: riguarda gli incidenti con danni ad animali. Ora c’è l’obbligo, per […]

    Pingback by Sana demagogia animalesca | Automobilista.it — 31 agosto 2010 @ 23:51

  2. L’ autovelox e i vigili, devono essere visibili? se si,da che distanza i vigili con autovelox devono essere visibili?
    grazie

    Commento by francesco — 29 settembre 2010 @ 10:52

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.