OmniAuto.it

5 giugno 2013

Autovelox: ricorso contro le multe ingiuste? Occhio al cartello

Multa da autovelox: batosta in faccia

Gli autovelox servono a fare cassa: difendetevi. Se avete preso una multa, ecco cosa scrivere nel ricorso.

1) Manifesta lesione dell’art.142/6’ comma bis c.d.s., dell’art.78 regolamento di attuazione del c.d.s., della specifica imposizione ministeriale Protocollo n.20767 del 4.3.2008, delle istruzioni diramate dal Ministero dell’Interno in data 14.8.09 (che nel contenuto hanno sostituito in senso rafforzativo la Circolare del Ministero dell’Interno del 3.8.2007) confermate dalle nuove disposizioni subentrate con la legge n.120/2010 e di converso dei principi di buona amministrazione ex art. 97 della Costituzione; ciò a causa della assenza dei cartelli che avrebbero dovuto preavvisare la presenza dei controlli elettronici della velocità.

2) Parte ricorrente lamenta, in relazione al verbale notificato, l’assenza di un elemento costitutivo del provvedimento amministrativo posto in essere (o quanto meno è questa la presunzione giuridica non suscettibile di prova contraria) in quanto su quest’ultimo avrebbe dovuto essere necessariamente inserita la presenza, sulla tratta stradale interessata, di apposita cartellonistica atta a preavvertire la presenza dei controlli elettronici della velocità (nella metodologia adottata – nel caso di specie cartelli a sfondo blu con scritte di colore bianco) e ciò in conformità ai dettami di cui all’art.142/6’ comma bis c.d.s. e disposizioni normative ad esso collegate tra cui la specifica imposizione del Ministero dei Trasporti a mezzo Prot. 20767 del 4.3.2008 (all. n.2); quanto sopra con l’ulteriore specificazione che ad un organo di Polizia è certamente ed ovviamente inibito ignorare determinate direttive o circolari ministeriali né optare per eventuali scelte giuridiche eventualmente giustificate da gerarchie di fonti.

3) Si tratta quindi di norma di garanzia per l’automobilista la cui violazione, da parte delle Autorità procedenti, non è priva di effetto ma cagiona la nullità della sanzione irrogata (così Cassazione n.7419 del 26.3.2009).

di Ezio Notte @ 00:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.