OmniAuto.it

17 giugno 2009

Autovelox trappola: le foto della tristezza

Fa pena vedere come certi Comuni insistano a fare cassa con gli autovelox. Le più recenti segnalazioni ci arrivano da Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento “Tutela del consumatore”. Infatti, nonostante i pareri del ministero dei Trasporti, dell’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani); nonostante le numerose sentenze su tutto il territorio nazionale e persino della Cassazione; ebbene, nonostante tutto, alcuni Comuni proseguono nell’utilizzo di auto civetta, abilmente nascoste sui cigli delle strade o addirittura truccate da macchine civili.

Guardate le prime due foto in alto: si riferiscono al Comune di Gallipoli (Lecce); la terza immagine riguarda la provincia di Trapani. Sono più che eloquenti.

Per questo, lo stesso D’Agata invita le pubbliche amministrazioni che continuano a perseguire queste prassi illegittime ad adeguarsi alla legge e ad annullare in via di autotutela i verbali dovute a infrazioni al Codice della strada sin qui redatti: si chiede, cioè, che le multe vengano stracciate senza neanche obbligare il cittadino vessato a fare ricorso al Giudice di pace. E ancora, D’Agata chiede ai Prefetti d’intervenire una volta per tutte a sanzionare tali comportamenti illegittimi dei Comuni.

Perché il vero guaio della faccenda è che il povero automobilista è impotente di fronte al Comune onnivoro. Dovrebbe dimostrare che, al momento della rilevazione con macchinetta autovelox o telelaser (o altra diavoleria), il guidatore stesso non è stato avvisato da cartelli chiari; deve inoltre provare che l’auto civetta era nascosta e invisibile. Insomma, gli tocca l’onere di portare documenti oppure foto a sua discolpa. Come se fosse facile trasformarsi in una specie di Sherlock Holmes tutto d’un tratto.

Senza dimenticare che qualche automobilista col piede pesante, appena s’accorge dell’auto civetta, è tentato comunque di rallentare o addirittura di frenare: c’è il pericolo di tamponamenti. Anziché migliorare, con quei controlli la sicurezza diminuisce.

Ma secondo voi, stavolta cambierà qualcosa, o si tratterà – ancora una volta – di urla di dolore non ascoltate?

di Ezio Notte @ 17:13


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.