OmniAuto.it

15 settembre 2011

Beccati ‘sta legnata in mezzo ai denti e taci

Come viene trattato l'automobilista

Piccolo e schifoso automobilista che non sei altro, paga. Maledetto. Allora, ci siamo. La Camera ha approvato  la  manovra bis. Il decreto (“Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo”) verrà pubblicato a breve. Doppio ceffone: Iva dal 20 al 21%; Ipt (Imposta provinciale di trascrizione) alle stelle.

Questo è quanto sanno fare i nostri politici. Dei famosi tagli ai costi della politica, agli stipendi di chi ingrassa a dismisura a Roma, neppure l’ombra. Mentre l’opposizione resta moscia, a parte qualche reazione isterica coi deboli. Al momento di mostrare i testicoli ai forti, e di rinunciare alle prebende, si tira indietro. Come un nevrotico insicuro, messo lì per grazia divina. A pagare è il cittadino, specie il dipendente privato, e ancora di più l’automobilista, che è al centro di un attacco mai visto in passato.

di Ezio Notte @ 23:59


4 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 4 Commenti

  1. Se milioni di automobilisti lo hanno votato che ci puoi fare? Nulla , fino a quando non si esce dal teorema dell’elettore=tifoso non si ottiene niente. Non trovo altre vie d’uscita.

    Commento by roberto — 16 settembre 2011 @ 19:29

  2. Parliamo a vuoto ormai. Bisogna andare alla meta e togliere noi i privilegi a quei quattro parassiti che si fanno chiamare politici…pensano soltanto ai fatti personali di destra o sinistra che siano….vergogna vergogna vergogna…mangiano sulle nostre spalle. Chi apre un’attivita e’ destinato a chiudere dopo poco per le tasse smisurate che ci sono…e loro vivono di beneficiche non meritano affatto….mi chiedo: ma siamo tutti rimbambiti? Riprendiamoci i nostri diritti

    Commento by Felice pastore — 17 settembre 2011 @ 21:52

  3. Può darsi.

    Commento by Ezio Notte — 18 settembre 2011 @ 10:16

  4. Che orrore.

    Commento by Ezio Notte — 18 settembre 2011 @ 10:16

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.