OmniAuto.it

15 luglio 2012

Benzina: come siamo messi a prezzo?

Caro-benzina: incubo

Ecco la previsione di Luca Squeri, presidente di Figisc (gestori di benzina): “La quotazione del greggio – anche con i dati di ieri – è aumentata, portandosi da 79 ad oltre 82 euro/barile. Gli aumenti del greggio hanno trainato, sia pure in misura diversificata, anche i prodotti raffinati: le chiusure del mercato internazionale dei prodotti finiti Platt’s di questa settimana hanno fatto registrare un rialzo di 0,7 eurocent/litro per la benzina e di circa 3,0 per il gasolio. I prezzi interni sono aumentati da venerdì scorso di 0,024 euro/litro per la benzina e di 0,023 euro/litro per il gasolio. Le tendenze del mercato internazionale – al di là delle campagne di sconti previste per il weekend (questo ormai il quinto) – fanno ragionevolmente supporre che ci siano le condizioni per una stabilità dei prezzi nei prossimi giorni”.

In definitiva, l’analisi dei dati dell’ultima settimana rileva che la quotazione del greggio Brent spot è ancora aumentata (+4,47 % rispetto alla scorsa settimana), acquistando 3,53 euro/barile (+0,027 euro/litro) con un cambio euro/dollaro in discesa. I prezzi medi Italia della rete ordinaria, da sabato 7 luglio, hanno seguito, dopo il ritmo molto ridotto della settimana precedente, in misura contradditoria le dinamiche rialziste dei prezzi internazionali accentuando i rincari per la benzina e riducendoli per il gasolio.

E in autostrada? “Questa settimana le dinamiche di aumento dei prezzi in autostrada sono coerenti quelle della rete ordinaria” dichiara Stefano Cantarelli (numero uno del sindacato gestori autostrada) “con una crescita di circa 0,020 euro litro mediamente tra i prodotti sul selfservice. Vi è da precisare che il pregiudizio sui prezzi sempre più alti in autostrada è smentito dai fatti: i prezzi in self service del gasolio (che costituisce l’80 % delle vendite sulle aree di servizio) è da sempre lievemente più basso rispetto alla rete ordinaria, un dato confermato anche per la settimana corrente con circa 2,5 centesimi/litro di meno”.

di Ezio Notte @ 12:56


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.