OmniAuto.it

27 febbraio 2013

Beppe Grillo ha vinto anche perché nel programma MoVimento 5 Stelle c’era un minimo di auto

Che trionfo

Sarà pure criticabile per numerosi aspetti (ogni tanto toppa sul suo blog), ma va riconosciuto – da automobilista – che uno dei pochissimi a dare spazio all’auto nel programma delle elezioni del 24-25 febbraio 2013 è stato lui: Beppe Grillo col MoVimento 5 Stelle. Al capitolo “Trasporti”, utilizzava l’espressione “disincentivo dell’uso del mezzi privati motorizzati nelle aree urbane”. Apertamente contro l’auto, ma pur sempre un programma, un’idea, uno straccio di progetto che mancava agli altri.

Da anni, Grillo vuole limitarne l’uso. Mira a una tassazione per le auto private col solo guidatore a bordo che entrino nei centri storici. Parla di sviluppo di piste ciclabili protette, in città e fuori, associato alla istituzione di spazi condominiali per le bici; in più, il MoVimento 5 Stelle è a favore di parcheggi per le bici nelle aree urbane.  Grillo è per il potenziamento dei mezzi pubblici a uso collettivo e dei mezzi pubblici a uso individuale (car sharing) con motori elettrici alimentati da reti. Il tutto proibendo nuovi parcheggi nelle aree urbane, e sviluppando le tratte ferroviarie legate al pendolarismo.

Grillo vorrebbe incentivare le aziende che utilizzano il telelavoro ed è favorevole a un sistema di collegamenti efficienti tra diverse forme di trasporto pubblico. Dice sì alle corsie riservate per i mezzi pubblici nelle aree urbane, nonché a un piano di mobilità per i disabili obbligatorio a livello comunale.

D’altronde, in Germania, patria dell’industria dell’auto, con i mezzi pubblici e bici puoi andare ovunque. Ci sono autostrade per le bici. La verità è che l’apparato dello Stato è impreparato alla mobilità del futuro.

di Ezio Notte @ 23:15


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. Va benissimo la mobilità in bicicletta, basta che non sia un pericolo per i pedoni: infatti molti ciclcisti corrono sul marciapiede o sotto i portici, pur avendo le piste ciclabili a fianco…

    Commento by Alberto — 4 marzo 2013 @ 15:41

  2. gran comico questo grillo

    Commento by daniele — 4 marzo 2013 @ 18:00

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.