OmniAuto.it

26 dicembre 2009

Bollo auto, il poker delle Regioni a rischio zero

Il poker del bollo auto? Facile, per le Regioni!

Il poker del bollo auto? Facile, per le Regioni!

Le Regioni hanno gioco facile con una delle loro imposte preferite, il bollo auto, ossia la tassa di proprietà della macchina. Anzitutto, sono libere di prolungare a piacimento la prescrizione: per legge, possono richiedere bolli già scaduti tre, quattro, addirittura cinque anni fa. Secondo, hanno la possibilità di non rischiare nulla quando ci chiedono il pagamento di bolli arretrati: giocano a poker senza azzardo. Ci spieghiamo meglio.

a) Io pago il bollo auto del 2006. Come me, fanno altri 100.000 automobilisti della mia Regione.

b) Nel 2010, la Regione chiede a me e a 50.000 automobilisti il pagamento di un bollo arretrato, quello del 2006. Dall’archivio informatico della Regione, risulta infatti che né io né altri 50.000 abbiamo pagato il bollo 2006.

c) In realtà, di quei 50.000, 40.000 hanno pagato regolarmente il bollo, 10.000 in effetti no, sono morosi.

d) Quei 10.000 pagheranno il bollo, magari con interessi di mora. In 40.000 daranno alla Regione la prova che il bollo l’hanno versato regolarmente (la ricevuta di pagamento del 2006).

e) Risultato, la Regione incassa un passo di quattrini del bollo 2006.

Tutto in regola? Per legge, sì. Il problema è che, per la Regione, questa mano di poker è a zero rischi. Quei 40.000 che hanno regolarmente pagato il bollo non hanno diritto a riscuotere una multa per il disturbo, il fastidio nonché lo spavento. Senza considerare che, di quei 40.000, ce ne saranno 2.000 (come minimo) che non hanno conservato la ricevuta di pagamento e sono costretti a pagare due volte. E se vuoi fare ricorso, impazzisci.

Non è giusto: chi gioca a poker deve pagare se perde; i bluff svelati vanno puniti. Servirebbe una legge in merito: se la Regione mi chiede la ricevuta di pagamento del bollo, e io gliela do, allora l’Ente locale dovrebbe versarmi una somma. Che ne dite?

foto flickr.com/photos/jamadams

di Ezio Notte @ 19:50


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. CARO AMICO E’ ARRIVATOIL MOMENTO DI PORTARE AVANTI IN MODO FORTE SE VUOI POSSO PORTARE QUESTO TIPO DICIAMO DISSERVIZIO
    NEI CONFRONTI DI CHI PAGA LE TASSE ADESSO BASTA
    SE SEI APPUNTO D’ACCORDO VORREI PORTARLO A CONOSCENZA AL MIO CAPO GRUPPO DEL PARTITO XY POI SE IL CASO TI DICO QUAL’E’ E SE TUTTO QUELLO CHE DICI E FATTIBILE, IL CASO HA COLPITO ANCHE A ME NONOSTANTE AVESSI GIA’ PAGATO IL BOLLO, QUESTI MI DICONO CHE MI DEVO RICORDARE DI PAGARE IL BOLLO DI APRILE 2010 (CHE HO GIA’ RIPETO PAGATO ALL’ACI DI TORINO
    HO LA RICEVUTA DI PAGAMENTO.
    ADESSO MI HAI MESSO PROPRIO LA PULCE NELL’ORECCHIO, FACCIO QUESTO TIPO DI INDAGINE. VADAO ALL’ACI DOVE RISULTA SENZA DUBBIO IL MIO PAGAMENTO CHE HO FATTO ADDIRITTURA CON IL BANCOMAT, MI FACCIO DIRE A CHI HANNO INVIATO IL MIO PAGAMENTO DEL BOLLO EFFETTUATO PRESSO QUALE BANCA E IN QUALE UFFICIO REGISTRANO I PAGAMENTI DELLE AUTOVETTURE DI TUTTO IL PIEMONTE.
    ADDIRITTURA POSSO FARE ANCHE UN’ALTRA COSA ANDARE A PARLARE DIRETTAMENTE CON IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI TORINO DI TURNO AL QUALE FARO’ FORMALE RICHIESTA DI TRUFFA AI MIEI DANNI NATURALMENTE DOPO AVER ACCERTATO IL RESPONSABILE DELL’ACCERTAMENTO,FARO’ IN MODO CHE IL MIO AVVOCATO GLI CHIEDA UN PO DI SOLDI.
    OKEI A PARTE QUESTO E UN BEL ARGOMENTO DA TRATTARE POLITICAMENTE IN REGIONE POSSIAMO SENZ’ALTRO PROPORRE IL CAMBIAMENTO DI COME TU HAI SUGGERITO MI SEMBRA ASSOLUTAMENTE VALIDA LA TUA PROPOSTA.
    SE MI VUOI SCRIVERE PUOI SENZ’ALTRO ATTENDO TUA RISCONTRO
    AL PIU’ PRESTO GRAZIE
    FIRMATO FRANCO.!!!!

    Commento by franco — 6 maggio 2010 @ 23:01

  2. […] non hai pagato il bollo auto; se è così, pagalo senza interessi; se non è così, non pagarlo. Problema: chi aveva già pagato regolarmente senza poi conservare la ricevuta di pagamento, doveva poi […]

    Pingback by Il primato di Milano | Automobilista.it — 31 agosto 2010 @ 23:09

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.