OmniAuto.it

7 gennaio 2011

Cara Isvap, e chi paga la dematerializzazione dei documenti assicurativi?

Sorridi automobilista, nel 2011 verrai spremuto di più...

La disperazione è tale che si fanno e si vendono documenti assicurativi falsi: certificato e contrassegno (quello da esporre sul parabrezza). Dice l’Isvap: “Tra le ipotesi allo studio per la soluzione del problema dei fenomeni fraudolenti in fase assuntiva, vi è quella della dematerializzazione del certificato e del contrassegno assicurativo. Tale soluzione, che implicherebbe modifiche al Codice delle Assicurazioni – ed ai relativi regolamenti attuativi – ed al Codice della strada (DL 30 aprile 1992, n. 285 e successive modifiche e integrazioni), viene valutata dall’Autorità come percorribile nel medio periodo”.

Interessante, e chi paga per quei documenti dematerializzati? Immaginiamo qualcosa di tecnologico sparato fuori dalle Assicurazioni. Che alla fine diranno: siccome abbiamo pure questa grana da risolvere (la dematerializzazione dei documenti Rca), adesso vi alziamo le tariffe Rca. Occhio. Han fatto lo stesso con le Leggi Bersani e con l’indennizzo diretto.

foto flickr.com/photos/artotemsco

di Ezio Notte @ 17:19


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.