OmniAuto.it

7 febbraio 2012

Cari Comuni, un conto è avere a che fare con gli automobilisti, un conto è trattare con l’Esercito…

Tocca pagare eh?

Brutta storia, cari Comunelli. Loro sono abituati a vincere sempre con gli automobilisti. Un miliardo di euro di multe fra autovelox, T-Red, telecamere delle Zone a traffico limitato, divieti di sosta degli ausiliari, strisce blu e gialle e multicolor, Ecopass, e non so quali altre diavolerie. L’automobilista strangolato non può fare ricorso al Giudice di pace: 40 euro di tassa per 40 euro di multa? Una fottuta fegatura, io la multa la pago e la storia finisce. Così quelli lì hanno le cucuzze per stipendi e consulenze. Ma un bel giorno, con tanta tanta neve che sommerge le città, arriva l’Esercito a spalare. E chi paga?

Qui il Comune di turno non può più fare tanto il gradasso. Paga l’automobilista che non può ricorrere? No. La Legge dice: gli spalatori dell’Esercito li paga il Comune.

In certe città, il sindaco si è sentito chiedere 700 euro al giorno per 10 spalatori, più vitto e alloggio, giacché con quattro metri di neve serve l’Esercito.

Che botta, poveretti, ‘sti Comuni. Adesso sugggerisco al Comune di fare ricorso al Giudice di pace.

di Ezio Notte @ 00:01


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.