OmniAuto.it

21 ottobre 2011

Cartelli di obbligo pneumatici da neve montati o catene a bordo: la mia controreplica a Pneumatici sotto controllo

A sinistra, il segnale sotto accusa

Prima il mio post dove distruggo i nuovi cartelli invernali: qui.

Poi la replica di Pneumatici sotto controllo: qui.

Ora la mia controreplica. In corsivo, parla Pneumatici sotto controllo. In grassetto, fra parentesi quadre, le mie osservazioni.

Con riferimento all’articolo “Cartelli di obbligo….” Pubblicato il 14 ottobre 2011 riteniamo doveroso precisare quanto segue:
i cartelli presentati durante la nostra conferenza stampa del 13 ottobre sono quelli che, lo sottolineiamo “in via sperimentale”, sono stati definiti ed approvati dal Ministero dei Trasporti.

Infatti, innanzitutto va detto che i cartelli stradali sono definiti da norme approvate in ambito internazionale. Pertanto i Paesi che hanno sottoscritto queste norme sono tenuti al loro rispetto.

Per quel che ci risulta la prescrizione “catene a bordo” non è prevista in nessun Paese mentre sono molti i Paesi in cui vige l’obbligo di pneumatici invernali.

Il nostro legislatore ha voluto definire una norma di legge (vedi legge 120/2010) con la chiara volontà di fare prevenzione e quindi sicurezza stradale e, solo in questo senso, si giustifica l’equivalenza di obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo. Appare evidente infatti che i due prodotti non possano essere considerati equivalenti da un punto di vista tecnico in quanto se nel caso dei pneumatici invernali sono una risposta per l’intera stagione fredda, nel caso delle catene il loro ambito di impiego è relegato a manto stradale abbondantemente innevato e con forti pendenze.

Quanto ai cartelli stradali, non essendoci uno specifico cartello per applicare la norma voluta dal nostro Legislatore, in via sperimentale, è stato utilizzato il cartello di raccomandazione internazionalmente riconosciuto, cioè fondo bianco e non fondo blu che invece prescrive un obbligo. E’ il colore del fondo del cartello che individua l’obbligo e non la simbologia. [Sta proprio qui l’inganno involontario: aver usato un cartello di “raccomandazione” per indicare, invece, l'”obbligo” di tenere a bordo le catene].
Nel nostro Codice della strada la raccomandazione ha due cartelli distinti, quello riportato a sinistra riguardante le gomme da neve, oggi invernali, e quello riportato a destra, le sole catene. Il cartello di obbligo invece è unico: perché prescrive il montaggio di pneumatici invernali e di catene dal punto in cui è installato il cartello
[Forse è un banale refuso. Comunque, è errato affermare che il cartello blu indica l’obbligo di montare sia i pneumatici invernali sia le catene. La didascalia all’immagine II 332 utilizza l’espressione “o”, cioè o pneumatici invernali o catene e non pneumatici invernali e catene].

In buona sostanza con i nuovi cartelli, seppure sperimentali , il Legislatore intende informare gli automobilisti con, a nostro giudizio, grande efficacia, sull’esistenza dell’obbligo prescritto [non si può imporre un “obbligo” con la simbologia della “raccomandazione”], del periodo di vigenza e del tratto stradale espressamente interessato.

Non c’è quindi alcuna confusione, ma una chiarezza esemplare e non resta altro che, nell’interesse di tutti, attenersi alle norme di legge che sono state ormai emanate da un anno a questa parte. [Con tanti simboli che riproducono delle catene da neve o pneumatici invernali, era proprio necessario utilizzare i pittogrammi che il ministero ha usato per la figura II 333 del Regolamento al Codice della strada, con cui si vuole intendere la “facoltà di montare” catene o pneumatici da neve e, quindi, non l'”obbligo” di averli a bordo? Sarebbe stato meglio la più semplice immagine che vedete alla fine del post: l’ho messa in piedi alla bell’e meglio, mi scuso per l’oscena qualità. Inoltre, uno straniero che circola nel nostro territorio e non conosce la lingua italiana, non comprendendo la frase “catene a bordo”, pone la sua attenzione nella simbologia; ebbene, la simbologia utilizzata nei nuovi cartelli sperimentali è quella che a livello internazionale non indica di avere catene a bordo, ma quella che raccomanda (quindi un consiglio non un obbligo) di fare uso di catene da neve o pneumatici invernali].

Oggi i cartelli ci sono, sono chiari e, da un anno a questa parte, tutti i media parlano del tema e diffondono la notizia. Se qualcuno ha la necessità di approfondire il tema può consultare il nostro sito http://www.pneumaticisottocontrollo.it, dove sono riportate informazioni tecniche di dettaglio.

Il problema invece è un altro: gli automobilisti devono sapere con largo anticipo se una Provincia o un Comune intende emanare Ordinanze che obbligano all’acquisto di pneumatici invernali o catene. Infatti, è impensabile, così come accaduto lo scorso inverno, che un’Amministrazione decida l’obbligo dall’oggi al domani. Questo comportamento provocherà una corsa all’acquisto o al montaggio che non potrà essere soddisfatta con danni al consumatore e nessun effetto virtuoso né in termini di sicurezza stradale, né in termini di viabilità e circolazione.

di Ezio Notte @ 00:22


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.