OmniAuto.it

4 novembre 2009

Cartelli pubblicitari: multine ridicole

Pubblicità sulle strade: possono anche distrarre...

Pubblicità sulle strade: possono anche distrarre...

Ci scrivete per denunciare la sempre più opprimente mania di piazzare cartelli pubblicitari sulle strade statali e noi torniamo sull’argomento. Non possiamo che essere d’accordo con voi. In realtà, la legge in materia di insegne pubblicitarie è chiara. Ma, a parte che viene applicata raramente perché i gestori delle strade (specie i Comuni) fanno ricorsi su ricorsi, la vera nota dolente sono le multe: bassissime rispetto agli incassi dei gestori. Grosso modo, incamerano “10” rischiando di pagare “uno”: un affare.

Vi sintetizziamo che cosa prescrive il Codice della strada, all’articolo 23.

a) Lungo le strade, è vietato collocare insegne, cartelli, manifesti, impianti di pubblicità o propaganda, segni orizzontali reclamistici, sorgenti luminose, visibili dai veicoli transitanti sulle strade, che per dimensioni, forma, colori, disegno e ubicazione possono ingenerare confusione con la segnaletica stradale, ovvero possono renderne difficile la comprensione o ridurne la visibilità o l’efficacia, ovvero arrecare disturbo visivo agli utenti della strada o distrarne l’attenzione con conseguente pericolo per la sicurezza della circolazione.

b) La collocazione di cartelli e di altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse è soggetta in ogni caso ad autorizzazione da parte dell’ente proprietario della strada nel rispetto delle presenti norme.

c) Multe, a seconda del comportamento scorretto, che vanno da 155 a 4.351 euro.

I conti si fanno facilmente. Io sono un gestore della strada e incasso 50.000 euro l’anno in pubblicità Se proprio sono sfortunato, alla fine di estenuanti processi giudiziari fatti di ricorsi e appelli, dovrò rimuovere il cartello (con l’inserzionista comunque soddisfatto di avere ricevuto pubblicità e di essere stato visto da milioni di occhi) e pagare un paio di multe: facciamo 3.000 euro l’anno. Me ne restano in tasca 47.000. Quasi quasi lo rifaccio nel 2010 e nel 2011 e nel 2012… Tanto il Codice della strada prevede multine che mi fanno il solletico.

Il dubbio è legittimo: in materia di insegne pubblicitarie stradali e di cartelloni selvaggi, qualcuno ha interesse a mantenere le sanzioni basse e ad allungare i tempi dei processi?

foto flickr.com/photos/faceme

di Ezio Notte @ 00:47


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] convinzione: se io percorro una strada pericolosa (asfalto rovinato, buche, guard rail sporgenti, insegne pubblicitarie a due centimetri dalla carreggiata, tombini all’infuori e quant’altro), e faccio un incidente […]

    Pingback by Strade pericolose: prevediamo carceri sovraffollate | Automobilista.it — 18 novembre 2009 @ 01:26

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.