it.motor1.com

Archivio della Categoria ‘Cassazione’ (113 articoli)

8 aprile 2018

La Cassazione su epilessia e incidenti mortali

 

Epilessia: parola alla Cassazione

Epilessia: parola alla Cassazione

La Cassazione, sezione quarta penale, con sentenza 15215 del 6 marzo 2018, resta nota il 5 aprile, stabilisce un principio: se guidi un’auto in condizioni psicofisiche non adatte a garantire il controllo del mezzo, questo può costituire condotta colposa che determina la morte di una persona. In parole povere, se hai un guaio di salute e ammazzi una persona mentre guidi, vieni accusato di omicidio colposo: omicidio per imperizia e imprudenza.

I fatti riguardano un soggetto probabilmente epilettico. Il 26 luglio 2012 l’imputato procedeva alla guida di una BMW X3 quando, a causa di un malore, aveva omesso di svoltare a sinistra e aveva imboccato contromano la via percorsa dalla vittima nel corretto … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 15:32


Nessun commento Leggi tutto


25 marzo 2018

Multe autovelox entro 90 giorni, durissima sconfitta per il Comune di Milano

 

Una marea di multe nulle

Una marea di multe nulle

La Cassazione ha ribadito con forza: le multe da autovelox devono arrivare a casa del proprietario dell’auto entro 90 giorni dall’infrazione (sentenza 7066/2018). Una sconfitta durissima per il Comune di Milano, che invece faceva arrivare la multa seguendo un altro conteggio. Il calcolo era questo: l’automobilista viene beccato dall’autovelox; i Vigili controllano le foto dell’apparecchio; solo da quel momento scattano i 90 giorni. Ossia dal momento dell’accertamento della violazione.

In linea teorica, interpretando il punto di vista del Comune di Milano, se l’autovelox fa la foto il 1° gennaio 2018, e se il Vigile vede la foto dopo 180 giorni, è da questa data che scattano i 90 giorni. Assurdo. … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 22:28


Nessun commento Leggi tutto


4 marzo 2018

Veterinario in chiamata d’emergenza: multato per guida spericolata

 

Cane sta male? Il veterinario non può correre

Un cane sta male? Il veterinario non può correre

Se un automobilista guida in modo spericolato, prende una multa. Se un automobilista (un comune cittadino o un medico) guida in modo spericolato per stato di necessità (sta trasportando un ferito grave al pronto soccorso), ha buone possibilità di vedersi cancellare la sanzione. Ma che succede se un veterinario guida in modo spericolato per andare a salvare un animale? Verrà perdonato o pagherà la multa? Vediamo cosa accaduto nel 2008.

Un veterinario, viene multato per sorpasso di vetture ferme a un semaforo rosso, invasione dell’opposta corsia di marcia, violazione dello stesso semaforo rosso e velocità pericolosa in centro abitato (non l’eccesso di velocità … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 14:45


Nessun commento Leggi tutto


25 gennaio 2018

Risarcimento Rc auto: lesioni lievi, vince l’automobilista

 

Incidente, trauma sempre tremendo

Incidente, trauma sempre tremendo

Partiamo dal 2012. La legge numero 27 di quell’anno introduce alcune modifiche nel sistema risarcitorio Rc auto. In particolare, il comma 3-ter dispone: “In ogni caso, le lesioni di lieve entità, che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente”. Il comma 3-quater aggiunge: “Il danno alla persona per lesioni di lieve entità è risarcito solo a seguito di riscontro medico legale da cui risulti visivamente o strumentalmente accertata l’esistenza della lesione”. Per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente dell’integrità psico-fisica della persona, suscettibile di accertamento medico-legale.

Ma allora, per le lesioni lievi (sotto i 9 punti punti di … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 21:23


Nessun commento Leggi tutto


15 ottobre 2017

Autovelox, una sentenza pesante contro gli automobilisti

Autovelox, quali regole

Autovelox, quali regole

L’autovelox deve essere segnalato bene. Ma se lo strumento non risulta ben visibile e l’informativa è ambigua spetta all’automobilista rappresentarlo e documentarlo al giudice di pace per ottenere l’annullamento della multa. Lo ha chiarito la Cassazione, sezione seconda civile, con l’ordinanza 23566 del 9 ottobre 2017, come evidenzia poliziamunicipale.it. Un Comune della Costa sarda ha installato due autovelox fissi che hanno accertato numerose infrazioni. Alcuni utenti stradali hanno proposto ricorso con successo al giudice di pace evidenziando lacune nell’informativa obbligatoria stradale. E il tribunale in sede d’appello ha confermato questo indirizzo. I giudici però sono di contrario avviso. Perché?

Innanzitutto perché le dimensioni dei cartelli stradali sono specificate dal decreto ministeriale 15 agosto 2007. … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 16:02


Nessun commento Leggi tutto


8 ottobre 2017

Guardrail, tre obblighi per Comuni e gestori delle strade: lo dice la Cassazione

 

Guardrail, in teoria dovrebbero aiutare...

Guardrail, in teoria dovrebbero aiutare…

In tema di sicurezza stradale e guardrail, è in atto una guerra fra gestori delle strade e automobilisti: i primi scaricano il più possibile le responsabilità degli incidenti sui guidatori, così da non pagare i danni; gli altri spendono fior di quattrini per vedersi riconosciuti gli indennizzi in tribunale. Si arriva perfino in Cassazione, come accaduto di recente: sentite qui che stangate ai gestori sui guardrail (sentenza 22801/2017).

1) La funzione della predisposizione della barriera laterale è quella di diminuire la pericolosità del tratto stradale ove essa è collocata: questa funzione si esplica delimitandone prima di tutto visivamente il bordo, offrendo una resistenza all’eventuale impatto dei veicoli e offrendo anche … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 17:12


Nessun commento Leggi tutto


21 maggio 2017

Rimborso Rca: l’assicurazione deve pagare in base alle sacrosante Tabelle di Milano

 

Incidenti, occhio ai vostri diritti

Incidenti, occhio ai vostri diritti

La compagnia deve risarcire tutto, in base a criteri giusti. Altro che rimborso Rc auto in base al buon senso e all’equità: se c’è un incidente, la compagnia deve risarcire tutto, e in base a criteri giusti. Lo dice la Cassazione, con sentenza 12470/17, andando a esaminare un caso complicato. Nel 1996, a seguito di un incidente stradale, P.R, marito della ricorrente, riportava gravi danni alla persona con postumi permanenti nella misura del 70%. Il giudizio tra il R e M.C., proprietario del veicolo investitore, e la compagnia assicuratrice per la Rca di quest’ultimo, si concludeva con sentenza passata in giudicato che accertava una ripartizione di responsabilità al 75 % … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 21:16


Nessun commento Leggi tutto


13 marzo 2017

Il passeggero vuol stare nella tua auto senza cintura? Fallo accomodare fuori

 

Sì alla cintura, sempre

Sì alla cintura, sempre

Sentite il principio della Cassazione (sentenza 9311/2003 e 9904/1996): il conducente di un veicolo è tenuto, in base alle regole della comune diligenza e prudenza, a esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza ed, in caso di sua renitenza, anche a rifiutarne il trasporto o ad omettere l’intrapresa della marcia. Ciò a prescindere dall’obbligo e dalla sanzione a carico di chi deve fare uso della detta cintura.

Adesso, la Cassazione conferma, con sentenza 11429/2017. Ma occhio: stavolta, si è pronunciata in materia di omicidio e lesioni derivanti da circolazione stradale, materia riformata dalla legge numero 41/2016 che ha introdotto i reati di omicidio stradale e lesioni personali stradali, agli articoli … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 22:28


Nessun commento Leggi tutto


4 febbraio 2017

Mezzo pubblicitario abusivo: la Cassazione sulla responsabilità del proprietario del terreno

cassazione

Parola alla Cassazione

Uno dei più grossi problemi per chi viaggia in autostrada sono i mega cartelli pubblicitari: talvolta distraggono (non esiste solo lo smartphone a distogliere l’attenzione dalla strada), tolgono visuale. E, al di là di questo, se sono irregolari, vanno tolti senza discutere. Il fatto è che la normativa è complessa e frastagliata sulla materia. Così, si è arrivati addirittura in Cassazione.

Sentiamo un po’ cosa ha detto di recente, con sentenza 2689 del 1° febbraio 2017.

1) “La collocazione di un cartello pubblicitario, su suolo privato, in prossimità di svincolo  autostradale è soggetta, ex art. 23, quarto comma, del d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285, a specifica autorizzazione da parte dell’ente proprietario della strada, finalizzata a verificare … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 21:48


Nessun commento Leggi tutto


30 novembre 2016

Multa con taglio punti-patente: devi dire chi guidava

Multe, occhio alla mazzata

Multe, occhio alla mazzata

Se ti arriva a casa una multa con taglio di punti-patente, devi dire chi guidava alla Polizia. Così, al trasgressore verranno tolti i crediti. Se invece non comunichi alla Polizia il nome del guidatore, pagherai una multa supplementare di 300 euro. Lo ha appena confermato la Cassazione, con sentenza 24233/16.

Quest’obbligo di dire il nome del guidatore vale anche se paghi la multa o se fai ricorso.

L’obbligo della comunicazione dei dati del conducente (da parte del proprietario del veicolo) nelle ipotesi di violazione del Codice della Strada, costituisce un distinto obbligo (sanzionato a sua volta autonomamente) che nasce dalla richiesta avanzata dalla Amministrazione dove sia contestata una violazione che determina la decurtazione … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 23:47


Nessun commento Leggi tutto