OmniAuto.it

Archivio della Categoria ‘Bici-Pedoni’ (34 articoli)

10 novembre 2013

I Comuni vogliono un Codice della strada su misura per le bici: robe da pazzi

In difesa dei ciclisti

Premessa: io odio gli automobilisti che non rispettano i ciclisti: ci sono guidatori di auto che dovrebbero andare in galera per il solo motivo di aver spaventato un dueruotista. Ma l’Anci (i Comuni) propone al Governo una serie pazzesca di misure pro bici. È un’idea malsana per rendere impossibile la vita a chi ha un’auto. L’Anci dimentica che non siamo in California, con strade enormi e la possibilità di una sana e pacifica convivenza auto-bici. Inoltre, l’Anci non responsabilizza anche chi va in bici, spiegando il divieto di contromano, di guida col cellulare in mano, di passaggio sul marciapiede…

Ma vediamo qualche chicca. L’Anci vuole queste novità.

a) Corretta applicazione dell’art. 143 … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 15:00


Nessun commento Leggi tutto


5 agosto 2012

Ma cosa te ne fai dell’Omicidio stradale?

Assassini senza pietà

Centinaia di politici strapagati non sono stati capaci di introdurre il reato di Omicidio stradale. Dicono che non serva. Dicono che basti la revoca della patente a spaventare i pirati della strada. Sarà. Intanto, col caldo che distrugge il cervello, con l’alcol e la droga che riducono in brandelli la mente di questi assassini schifosi in auto, due ciclisti e un pedone hanno perso la vita nelle ultime ore in tre incidenti a Roma, Reggio Calabria e Milano. Chi andava in macchina poi non s’è fermato a soccorre gli investiti.

Il discorso è semplice: il pirata ora sa che, se verrà beccato, sarà incolpato di omicidio colposo. Non l’ha fatto apposta. Quindi scappa tranquillo. Col … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 18:43


Nessun commento Leggi tutto


14 maggio 2012

Personaggi in bici che neppure conoscono le regole per circolare

Pericolosissimo

Credo che gli automobilisti poco rispettosi dei ciclisti vadano puniti severamente. Sono favorevole al reato di Omicidio stradale per chi guida fatto di alcol o droga e uccide, specie se la vittima è un ciclista. Una doppia premessa per accusare, adesso, i ciclisti che vanno in bici senza neppure conoscere le regole della circolazione.

Vi leggo via ilrestodelcarlino:

FORSE per un attimo, quando ha visto la paletta alzarsi, deve aver pensato che correva troppo sul sellino della sua mountain bike. E si sarà sentito un po’ Fausto Coppi. Ma in Italia ancora non è reato sfrecciare in bicicletta. E così si è fermato sul ciglio della strada e ha chiesto ai due vigili quale fosse il problema. E … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 22:55


1 commento Leggi tutto


7 aprile 2012

In bici contromano: il delirio collettivo con la scusa del mezzo ecologico e buono

Bella bici…

La bici è buona, non inquina, non sporca, non uccide, non consuma carburante. Quindi, la bici ha diritto ad andare contromano, sì, contro le auto e pure contro i Suv, chissenefrega. È una forma di delirio collettivo. Finché sono i ciclisti a chiederlo, è comprensibile. Fanno il loro mestiere. Ma che pure il ministero dei Trasporti vada in tilt è quantomeno bizzarro.

Vediamo. Le bici possono circolare in doppio senso di marcia, secondo un parere dei Trasporti (6234 del 21/12/2011), esprimendosi così a favore della tesi della Fiab (amici bicicletta). Il doppio senso “limitato” è in una strada a doppio senso di marcia con una direzione consentita a tutti e quella opposta solo alle bici. Le … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 14:37


2 commenti Leggi tutto


2 febbraio 2012

Automobilisti assassini che non rispettano le bici. Ma pure ciclisti sciocchi che non sanno guidare nemmeno un triciclo

Bella bici eh?

Il Times ha avviato una massiccia campagna di informazione per la tutela dei ciclisti. Il quotidiano londinese ha aperto l’edizione cartacea con il titolo “Save our cyclists”, rilanciando l’iniziativa attraverso il sito internet. “La tutela delle utenze deboli della strada – spiega Umberto Guidoni, numero uno Fondazione Ania – è un problema comune in tutto il mondo. Ciclisti e pedoni sono le categorie che rischiano di più di essere investite. In 10 anni sulle strade britanniche sono morti 1.275 ciclisti e, dalle statistiche europee, risulta che nel solo 2010 si sono registrate 104 vittime in incidenti che hanno coinvolto biciclette”.

E come … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 22:19


Nessun commento Leggi tutto


27 settembre 2011

In bici con almeno una mano sul manubrio. Occhio a non dare l’assist per il suicidio

Bici? Sempre due mani!

Leggo sui mass media (quelli che scrivono le cose giuste, al contrario dei blog, pieni di fesserie) che uno in bici è in regola purché abbia almeno una mano sul manubrio (tutto nasce dai dati della Fondazione Ania sulla sicurezza che vengono copiati a capocchia). È così? Basta una mano? Attenzione, il Codice della strada è scritto coi piedi.

Articolo 182: “I ciclisti devono avere libero l’uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio almeno con una mano; essi devono essere in grado in ogni momento di vedere liberamente davanti a sé, ai due lati e compiere con la massima libertà, prontezza e facilità le manovre necessarie”.

Quindi, devono avere libero l’uso delle … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 08:49


Nessun commento Leggi tutto


25 aprile 2011

Punti tolti ai ciclisti: ma quando la finiranno i mass media?

Bici? Il Codice della strada non prevede il taglio di punti

Il fenomeno è affascinante. Estate 2009, nuova legge: via i punti-patente ai ciclisti che passano col rosso o guidano la bici col telefonino in mano (o che commettono altre infrazioni con decurtazione di punteggio). Estate 2010: quella legge viene cancellata. Dopodiché, un milanese (qualche giorno fa) e ora un tizio nel Cosentino prendono multe col taglio di punti-patente scritti nei verbali. La sanzione in euro è giusta, ma gli agenti delle Forze dell’ordine sbagliano a indicare il taglio di punti. Cosa fanno i mass media? Senza battere ciglio, copiano e incollano un lancio d’agenzia: ciclista col taglio di punti-patente. E chi se ne fotte se … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 01:13


Nessun commento Leggi tutto


31 marzo 2011

Poche storie, popolo della bici, il ministero ha ragione: no al contromano mortale

Senso unico: no al contromano

Le bici non possono imboccare le vie contromano: lo ha stabilito il ministero dei Trasporti. Sarà pure una circolare, sarà pure un parere, ma per ragioni di sicurezza il segnale di senso unico non deve avere eccezioni né deroghe. Il contromano è pericolosissimo, anche in bici: si rischia un frontale mortale. Se poi qualche deficiente, pur di difendere il diritto alla mobilità di chi va in bici, si ostina a dire che i ciclisti possono andare contromano, allora ricoveratelo: è un istigatore al suicidio.

Se invece sono i Comuni a sbagliare, mettendo un pannello integrativo che indica una deroga – a favore delle bici – al senso unico, sono le … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 00:22


1 commento Leggi tutto


27 febbraio 2011

Attraversamenti pedonali: servono i Vigili

Il pedone è sacro

A Schio (Vicenza), il Comune installerà 11 impianti di illuminazione a Led che serviranno gli attraversamenti pedonali.

È utile? Sì, migliora la sicurezza stradale. Gli automobilisti imbecilli che vanno a 100 all’ora in città non potranno dire: non ho visto il pedone.

Ma resta un problema: servono Vigili agli attraversamenti pedonali. È l’unico modo per prevenire davvero gli incidenti. Vale lo stesso ragionamento che ho fatto per gli ubriachi a Torino: un autovelox senza Polizia l’avrebbe inevitabilmente lasciato andare via.

foto flickr.com/photos/nafmo

di Ezio Notte @ 14:36


Nessun commento Leggi tutto


11 dicembre 2010

Il pedone indeciso non ha diritto al risarcimento? Ma non diciamo fesserie. Rispettate sempre il pedone, che è sacro anche quando titubante

Il pedone è sacro. Anche se titubante

I mass media sono scatenati. La tesi è questa: se il pedone, indeciso nell’attraversamento, viene investito da un’auto, non ha diritto al risarcimento dei danni. Lo dice la Cassazione con la sentenza 24862 della III sezione civile.

La Cassazione ha fatto bene il proprio mestiere, qualche giornalista l’ha sparata grossa per fare notizia. Vi spieghiamo come stanno le cose.

1) Parliamo della III sezione civile della Cassazione, e non della Cassazione a sezioni unite. Magari un’altra sezione può dire esattamente l’opposto. È già accaduto in passato.

2) La Cassazione ha preso in esame un caso specifico. Uno solo. Perché generalizzare e parlare di tutti i pedoni sulla faccia della Terra?

3) La titubanza del … Leggi tutto

di Ezio Notte @ 19:38


Nessun commento Leggi tutto