OmniAuto.it

21 luglio 2012

Cercasi disperatamente Decreto di omologazione del Vergilius

Decretuccio, dove sei?

Sono cose belle, queste cose italiane. Arriva il Tutor, a fine 2005, il modernissimo Grande Fratello che calcola la velocità media in autostrada, ed ecco subito il Decreto di omologazione. Dopodiché arriva il Vergilius, a fine luglio 2012, il Tutor delle Statali, e cala una coltre di mistero. Il Decreto di omologazione del Vergilius non c’è. A oggi non si trova in quest’elenco. Vedi schermata a mo’ di ricordo.

Io proprio non capisco. L’utente della strada dovrebbe immediatamente essere informato sulle specifiche tecniche dell’aggeggio, sul Decreto di omologazione, su dove e come e quando il dispositivo possa funzionare. E invece zero. Perché?

L’automobilista, sommerso da telecamere, ha a mio giudizio diritto a conoscere per filo e per segno tutti i controlli, le modalità di rilevamento, i soldi incassati con quegli occhi elettronici.

Oltretutto, a proposito di Tutor e di omologazione, da tempo c’è in ballo un discorso delicatissimo che riguarda Romolo Donnini contro Autostrade per l’Italia. A tale proposito, ecco cosa dice Donnini: “Tutta la dottrina e la giurisprudenza affermano che, affinché vi sia contraffazione, è sufficiente che si riproduca la stessa idea inventiva e non è sufficiente il fatto che un componente del sistema sia stato sostituito con un altro noto fra i tecnici del ramo. Su questa base Craft ha presentato appelllo alla Corte di Roma, insistendo sul fatto che  le spire induttive usate da Autostrade non sono altro che un componente secondario del sistema che può essere sostituito con altri tipi di sensori presenti sul mercato e a conoscenza dei tecnici del ramo. È in questa sede che emergono nuovi e inediti particolari. Infatti, pochi giorni prima della presentazione della memoria di replica da parte di Craft (ottobre 2011), sono stati pubblicati – dal ministero dei Trasporti – Decreti di estensione di omologazione per il sistema Sicve (Tutor), riguardanti la sostituzione delle spire induttive con nuovi sensori per rilevamento del traffico e più precisamente, sensori ottici e radar. Le richieste al ministero da parte di Autostrade risalgono al 2010. Dunque è accaduto questo: dopo che per tutto il giudizio Autostrade ha dichiarato di usare un sensore diverso, improvvisamente si viene a sapere che non è vero, e che anche Autostrade usa lo steso sensore di Craft, o comunque un tipo già richiamato nelle norme UNI del 1999 e negli studi fatti fare da Autostrade stessa, specificamente dichiarato come sostitutivo alle spire induttive”.

Domanda all’Anas. Visto che già sul Tutor si discute parecchio, non è il caso di far vedere questo Decreto di omologazione del Vergilius?

di Ezio Notte @ 19:17


4 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 4 Commenti

  1. secondo me si tratta di questo

    http://emax.poigps.com/images/archivio_gps_velox/docs/decreti_omologazione/150-Sicve_radar_2011n4411.pdf

    e dei successivi aventi per oggetto il detector radar URV.

    Commento by Emax — 22 luglio 2012 @ 22:21

  2. gent. Emax, i decreti da Lei citati sono le estensioni all’omologazione del sistema Sicve, sono quei documenti che ho presentato alla Corte di Appello, che dimostrano inequivocabilmente, come questi componenti secondari del sistema e a conoscenza dei tecnici del ramo ( vedi p.es. norme UNI 70031 del 1999 )possano essere usati al posto delle spire induttive, e quindi equivalenti, senza tuttavia cambiare l’idea inventiva del mio brevetto, ma che la Corte ha ritenuto di non prendere in esame.

    Commento by Romolo Donnini — 23 luglio 2012 @ 08:28

  3. sì ho letto la vicenda e Le faccio un grosso in bocca al lupo, è una battaglia stile Davide contro Golia.

    Commento by Emax — 23 luglio 2012 @ 08:51

  4. Da qualche giorno sono spariti tutti i decreti di omologazione , per fortuna che ce li siamo scaricati tutti. Condivido il commento di Emax.

    Commento by Alessandro — 1 agosto 2012 @ 15:45

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.