OmniAuto.it

15 dicembre 2009

Cerchiai (Ania), le classi di Bersani e i rincari delle tariffe Rc auto

Rca: preparate il portafoglio...

Rca: preparate il portafoglio...

Qualche ora fa, il grande capo dell’Ania (Assicurazioni), Fabio Cerchiai, ha detto che le tariffe Rc auto potrebbero rincarare nel 2010. Nel mirino del presidente delle Compagnie, soprattutto l’ex ministro Bersani, che ha rivoluzionato le classi di merito con una Legge dell’aprile 2007. Qual è il problema? Automobilista.it cerca di spiegarlo in termini che siano il più semplice possibile.

Prima della Legge Bersani, un profilo rischioso come un 18enne entrava nella classe di merito d’ingresso, la costosissima 14a categoria. Il motivo è intuibile: il ragazzo, secondo le statistiche, causa numerosi incidenti e quindi è un “peso” per le Assicurazioni, costrette a pagare i danni ad auto e cose e persone provocate dal neopatentato. Da quando c’è quella Legge, invece, il giovane può sfruttare la classe di merito di un familiare convivente: se il papà è in prima categoria (la più economica), anche il figlio entrerà in quella classe.

Risultato, il ragazzo non guadagna più sul campo una classe di merito bassa, ma la eredita, “sfruttando” il papà. E così le Assicurazioni si ritrovano sul groppone un cliente (il giovane) che paga una Rca bassa in proporzione al rischio assicurato. Il che ha portato squilibri nel settore Rc auto. In ultima analisi, ecco i rialzi delle tariffe Rca per “aggiustare” i presunti danni della Legge Bersani.

È però giusto ricordare che le Assicurazioni, di fatto, aggirano sempre più spesso la Legge Bersani. In che modo? Per formare la tariffa, non tengono più tanto in considerazione la classe di merito, ma si basano di più sull’età e sul fatto che quella classe sia stata guadagnata sul campo o ereditata. Attenzione: la Legge stessa consente alle Compagnie di regolarsi come credono. È una specie di lotta a norme che le Assicurazioni reputano ingiuste.

foto flickr.com/photos/aresauburnphotos

di Ezio Notte @ 22:05


5 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 5 Commenti

  1. […] anni, il numero uno dell’Ania (Assicurazioni), Fabio Cerchiai, sbandiera dati drammatici sulle frodi nel settore Rc auto. Si tratta di incidenti inventati, […]

    Pingback by Rc auto: l’agenzia antifrodi di Cerchiai (Ania)? Sì, a patto di garantire forti ribassi tariffari | Automobilista.it — 15 dicembre 2009 @ 22:36

  2. […] forti ribassi tariffari dalla nuova procedura di rimborso, e invece si ritroveranno nel 2010 con rincari alla Rc auto. Sentiamo l’opinione di Roberto Pisano, agente di assicurazioni plurimandatario, […]

    Pingback by L’agente Pisano: “L’indennizzo diretto? Ha reso più complicato il settore Rca” | Automobilista.it — 23 dicembre 2009 @ 22:47

  3. […] Rc auto è ormai un incubo per gli italiani, specie ora che stanno per arrivare rincari. Ne parliamo con Roberto Pisano, agente di assicurazioni plurimandatario, nonché presidente […]

    Pingback by L’agente Pisano: “La Legge Bersani è stata la morte delle classi di merito” | Automobilista.it — 27 dicembre 2009 @ 20:07

  4. […] Rca alle porte. L’automobilista è deluso e frastornato: gli tocca sempre pagare di più, ovunque e […]

    Pingback by L’agente Pisano: “Cautela col mito del risparmio sulla Rc auto: occhio alla qualità dell’Assicurazione” | Automobilista.it — 30 dicembre 2009 @ 00:11

  5. […] della Legge Bersani (2007), un profilo rischioso come un 18enne entrava nella classe di merito d’ingresso, la […]

    Pingback by Rc auto e Legge Bersani: sempre più difficile! Intervista all’agente Pisano | Automobilista.it — 20 gennaio 2010 @ 23:22

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.