OmniAuto.it

30 dicembre 2010

Cessione del credito, intervista al carrozziere Davide Galli: prima parte

Cessione del credito: interessante

Una sana chiacchierata con Davide Galli, del Carrozziere.it, su un argomento caldo della Rca. Seguiteci in questa prima parte.

Davide… Cessione del credito: l’automobilista cede al carrozziere che riparerà l’auto il credito vantato verso la Compagnia assicuratrice cui spetta liquidare il danno. Che ne pensi?

“Credo sia la soluzione definitiva, il cliente seleziona il suo carrozziere di fiducia, gli cede il credito e ritira l’auto riparata senza sborsare denaro. Provate a immaginare una soluzione alternativa, o addirittura, come alcune Compagnie vorrebbero, un divieto sull’utilizzo della cessione di credito. Il carrozziere che alla fine della riparazione concorda il danno con il perito dell’Assicurazione e chiede il saldo al cliente, che a sua volta incasserà dalla compagnia dopo 30 giorni (nel caso di card doppia firma) o dopo 60 giorni (nel caso di assenza di card).
Doppia arrabbiatura del cliente che oltre al danno deve pure anticipare la riparazione”.

In teoria, le Compagnie evitano di anticipare denaro per la riparazione e sarà il carrozziere stesso a riscuoterlo dalla compagnia, con o senza l’aiuto di un avvocato. Qualcuno ci specula?
“Il fenomeno della liquidazione dell’imponibile direttamente al danneggiato che non ripara l’auto non credo cesserà, anche perché con i tempi che corrono è sempre più difficile obbligare le riparazioni, ma cosa accade quando il cliente viene liquidato dell’imponibile e vuole riparare l’auto? L’officina (se di questo si tratta) che riparerà il danno sarà in grado di emettere regolare fattura incassando solo l’imponibile? Quando il danneggiato cede il credito alla carrozzeria per la riparazione, questo non avviene, il sinistro infatti viene liquidato al carrozziere con anche l’Iva a fronte di una fattura”.

di Ezio Notte @ 21:58


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.