OmniAuto.it

27 luglio 2010

Chi omologa gli omologatori?

Occhi sempre più temibili

Si scatenano le polemiche attorno agli apparecchi che danno le multe. Siccome quegli strumenti diabolici sono sempre di più e sempre più cattivi e danno sempre più sanzioni, a un certo punto all’automobilista salta la mosca al naso. E magari, avvalendosi di un avvocato o di un’altra persona esperta, cerca di capirci di più su omologazione, taratura, controllo periodico della strumentazione.

Il problema, ci dispiace dirlo, non è tanto quello di chiedere a chi di dovere se l’apparecchio sia omologato: il cuore della questione sta nelle persone preposte all’omologazione di un determinato dispositivo. Quelle stesse persone che, anni fa, hanno dato l’ok all’omologazione, ora daranno la conferma che lo strumento è perfettamente omologato. E ci mancherebbe pure che si rimangiassero la parola.

È proprio lì che in futuro si combatterà la guerra delle macchinette elettroniche: si deve vedere fin dove vorranno spingersi i giudici, se cioè avranno l’intenzione di puntare il dito su chi – incredibilmente, contro ogni regola del buon senso – ha omologato apparecchi così starati e storditi da non consentire neppure di registrare in modo preciso l’orario dell’infrazione.

foto flickr.com/photos/daquellamanera

di Ezio Notte @ 23:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.