OmniAuto.it

15 maggio 2009

Cna (carrozzieri): che attacco alle Assicurazioni!

Un dato orientativo: su 15-18.000 carrozzieri in Italia, la Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa) ne rappresenta 6-7.000. Sono i numeri uno, insomma. E allora l’opinione della Cna sull’iniziativa del Gruppo Fondiaria-Sai di comprare i ricambi e darli direttamente ai carrozzieri (per le riparazioni delle auto degli assicurati) è molto importante.

Nel mirino della Cna finisce la convenzione fra Auto Presto & Bene (srl partecipata al 100% da Fondiaria-Sai) e in particolar modo le tariffe: più di 20 euro all’ora nel Sud, 25 euro al Centro e 28 euro al Nord (secondo la Cna). Poco, stando alla Confederazione, che fa un paragone con le tariffe orarie applicate nelle officine delle concessionarie (da 50 a 70 euro all’ora o quelle in uso nelle carrozzerie indipendenti di altri Paesi europei.

Un altro aspetto negativo relativamente alla fornitura dei ricambi che le Compagnie (anche Unipol forse ha un’idea simile) intendono gestire direttamente, inviandoli alle carrozzerie “in conto lavorazione”, è che ciò renderebbe le imprese di carrozzeria meri “prestatori d’opera”. Eppure le carrozzerie – dice la Cna – sono nate per essere “imprese”, per vivere da “imprenditori”: diventare “dipendenti” delle Compagnie, fornitori di sola manodopera, non rappresenta la loro massima aspirazione.

Inoltre, in Italia – sostiene la Cna – il mercato della riparazione dei veicoli sinistrati è condizionato dalle Compagnie. Che controllerebbero:

a) le relazioni commerciali con gli assicurati, decidendo senza confronto con altri le tariffe delle polizze Rc auto;

b) le relazioni con le imprese di carrozzerie, tentando di imporre alle officine basse tariffe orarie di prestazione e tempi di riparazione ridotti;

Nei fatti, secondo la Cna, le Assicurazioni:

– decidono le tariffe delle polizze Rc auto;

– intendono decidere da chi far riparare l’auto incidentata;

– condizionano pesantemente l’importo del risarcimento;

– intendono condizionare fortemente le tariffe orarie che devono applicare le officine;

– intendono intervenire nella determinazione dei tempi di riparazione.

Qual è la vostra idea in merito? Ha ragione la Cna a criticare le Assicurazioni? O è solo una guerra fra categorie?

di Ezio Notte @ 11:20


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.