OmniAuto.it

29 luglio 2010

Cocaina e auto: quei controllini mancati fuori dalle discoteche dei Vip

Cocaina, dramma sociale. Anche sulle strade

Dicono che esistano le cosiddette discoteche dei Vip (e delle starlette) dove la cocaina è la regina della notte. Dicono che fuori da queste discoteche non avvenga mai un controllo, da parte delle Forze dell’ordine, dei guidatori che si mettono al volante pieni di cocaina come iene. Dicono che basterebbe un semplice droga-test per togliere subito la patente a questi personaggi. Ma tutto questo non avviene: vi siete mai chiesti perché?

Perché tutto sommato alle istituzioni fa comodo parlare di stragi del sabato sera da combattere a furia di Decreti, che modificano in continuazione il Codice della strada: si spendono meno soldi e non si perdono voti (vedi qui). Ma nessuno ha davvero voglia di stroncare due fenomeni pericolosissimi: l’alcol e la droga in circolo nel guidatore di turno, che si trasforma in potenziale assassino.

Eppure basterebbe pochissimo: i controlli fuori dalle discoteche. Anche per il bene degli stessi ragazzi che vanno incontro alla morte per strada.

Diteci la vostra statistica: su 10 controlli mirati, quanti non potrebbero guidare?

foto flickr.com/photos/solbronumberone

di Ezio Notte @ 00:01


3 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 3 Commenti

  1. Come sempre ,articolo ficcante e corrosivo! Bravo Ezio Notte !

    Commento by roberto — 8 agosto 2010 @ 14:47

  2. I controlli nei locali VIP, non li possono fare altrimenti sai quanti figli “illustri”, amici e parenti dei nostri politici beccherebbero?

    Commento by paolo — 17 agosto 2010 @ 16:44

  3. […] sanno pure i muri che i neopatentati devono stare alla larga dall’alcol, e che basta un goccettino di alcol nel sangue per far scattare la multa: è la tolleranza zero. […]

    Pingback by Alcol, tolleranza zero per i neopatentati: lo scandaletto dei precursori | Automobilista.it — 26 agosto 2010 @ 23:02

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.