OmniAuto.it

26 aprile 2010

Codice della strada: la Camera potrebbe restituire pan per focaccia al Senato

Camera: pan per focaccia?

Camera: pan per focaccia?

Verso metà 2009, la Camera approvò le norme sul nuovo Codice della strada e le girò al Senato, con la richiesta più o meno esplicita di dare l’ok entro l’esodo estivo. Sentendosi punto nell’orgoglio (trattato come se fosse il ramo meno importante del Parlamento), il Senato non fece le cose in fretta. A tal punto che si è arrivati a fine aprile 2010 senza il nuovo Codice.

Adesso, il Senato ha apportato diverse modifiche (emendamenti) al Disegno di legge passatogli dalla Camera: sta ai deputati, fra pochi giorni, trasformare rapidamente le regole in Legge definitiva. Ma qui nasce il problema. Nonostante il pressing del ministro dei Trasporti Matteoli, può succedere che la Camera restituisce pan per focaccia al Senato: tu mi hai fatto attendere oltre un anno prima di restituirmi il nuovo Codice, e oggi io ti tiro lo steso scherzetto, perché non sono certo meno importante di te.

Chi ci va di mezzo è la sicurezza stradale. Ma a Roma il potere acceca.

foto flickr.com/photos/afroswede

di Ezio Notte @ 22:27


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] nuovo Codice della strada, atteso ormai da un paio d’anni senza che il Parlamento lo sforni, potrebbe arrivare […]

    Pingback by Nuovo Codice della strada: cintura obbligatoria per guidare le microcar? Non è questo il problema | Automobilista.it — 27 aprile 2010 @ 21:10

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.