OmniAuto.it

10 febbraio 2010

Colpo di frusta: qualche nostra considerazione maliziosa

Colpo di frusta: proprio una disgrazia

Colpo di frusta: proprio una disgrazia

Colpo di frusta maledetto, gli automobilisti ti odieranno per sempre: a causa tua, le Assicurazioni alzano le Rc auto a ogni piè sospinto. Infatti, in caso di tamponamento, la lesione al rachide cervicale è probabile e tale danno vale generalmente da 0 punti di invalidità fino al 2%: diciamo, grosso modo, che 2.000 euro di risarcimento uno se li porta a casa (anche se, prima del 2000, tale tipologia di danno poteva anche valere il 3%). Dove sta il guaio? Nei truffatori di professione: quelli che si inventano gli incidenti di sana pianta. Così le Compagnie sborsano fior di quattrini per i danni fisici, e noi tutti siamo costretti a pagare i costi sostenuti dalle Assicurazioni con Rc auto più salate.

Già: ci sono numeri inoppugnabili, che le Compagnie snocciolano per farci capire perché le Rca salgono. Però noi di Automobilista.it, che siamo monelli e sospettosi per natura, ci chiediamo: ma perché le Compagnie, di fronte alla marea di colpi di frusta e agli incidenti-truffa (specie a Napoli e Caserta), non dichiarano guerra ai truffatori? Perché le Compagnie non verificano (con tutto il potere e la forza economica che hanno) la veridicità dei colpi di frusta?

Altro problema. Politici e Assicurazioni amano l’indennizzo diretto (da febbraio 2007 si viene risarciti dalla propria Compagnia). Peccato che proprio l’indennizzo diretto abbia reso più facili e sbrigative le truffe per le microlesioni: allora, perché tutto questo amore verso quella procedura, che andrebbe invece buttata immediatamente nel gabinetto?

E per chiudere. Ci risulta che, nel mondo anglosassone (evocato spesso dalle Assicurazioni come un esempio da imitare per il basso numero di truffe), il “whiplash” (il colpo di frusta) valga (in termini monetari) almeno il triplo rispetto all’Italia. Sarebbe forse anche questo un modello da importare?

Magari, voi avete risposte alle nostre domande: in questo caso, vi aspettiamo nei commenti.

di Ezio Notte @ 00:01


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. […] Un ulteriore problema è costituito dall’anomala incidenza dei danni alla persona. Nel 2007, ogni 100 sinistri 20,4 presentavano almeno un danno alla persona. Nel 2008 la […]

    Pingback by Rca al Sud Italia: il dramma evidenziato dall’Ania | Automobilista.it — 13 febbraio 2010 @ 23:23

  2. le assicurazioni sono tutte farabutte, mai conosciuto un assicuratore che fa la fame. se è possibile cercate di incularle.

    Commento by abramo — 7 maggio 2010 @ 17:03

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.