OmniAuto.it

26 marzo 2012

Colpo di frusta: sicuri che sia una sciocchezzuola?

Colpino? Non direi

Piano a dire che il colpo di frusta è un’invenzione degli italiani. Piano a dire che il colpo di frusta emerge solo da una radiografia. Piano a sottovalutare le conseguenze del colpo di frusta a distanza di ore o giorni. Piano. Cautela.

Non mi piace l’andazzo di questi giorni. La diabolica equazione data in pasto ai lettori dai mass media pecoroni: siccome ora il colpo di frusta viene risarcito solo in seguito a esame clinico, allora i truffatori faranno la fame. Perché il colpo di frusta sarebbe, a quanto pare, come bere un bicchier d’acqua, una passeggiata di salute sulla battigia a Ferragosto, una carezza di un neonato, una pizza in compagnia.

Piano com le lesioni lievi inventate che tutto sommato, cosa vuoi che sia, ti passa tutto in due minuti e non frignare.

Piano, cautela. Non si scherza con quel tremendo movimento avanti/indietro violento del tratto cervicale. Forse pochi sanno che, anche senza esami strumentali atti a confermarlo, il colpo di frusta ti trasforma, e può davvero disintegrare le tue normali attività quotidiane, trasformando l’esistenza in un incubo.

Ci sono radiografie o risonanze magnetiche le quali dicono che strutturalmente risulta tutto a posto, ma tu sei lì che stai malissimo. Antidolorifici, psicofarmaci, antidepressivi.

Ma il Decreto liberalizzazioni te l’ha detto, suvvia: niente esame, quattrini bye bye. Dolori muscolari alla cervicale e alle spalle? Cefalea muscolo-tensiva? Formicolio? Sensazione di assenza? Disturbi a vista e udito? Depressione, sconforto? Ma vai via: non hai nulla. Così è la Legge, ora.

di Ezio Notte @ 00:27


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.