OmniAuto.it

5 dicembre 2009

Come vi avevamo previsto: il fumo in faccia all’automobilista

Divieto di fumo in auto: demagogia

Divieto di fumo in auto: demagogia

Prendi un argomento che sta a cuore all’automobilista. Fai un mini-comunicato stampa o una mini-conferenza. Convochi un paio di giornalisti giusti, di quelli che lavorano in testate importanti per grazia divina. Spara che vuoi proibire il fumo in auto: multa di 250 euro a chi guida con la sigaretta in mano. Poi aspetta: molti ci cascheranno e diranno che arriverà una nuova legge, per proibire il fumo in macchina. E nell’articolo di giornale verranno nominati i politici che hanno proposto la norma. Si chiama pubblicità gratuita sulla pelle dell’automobilista. È successo anche in passato con altre possibili novità del Codice della strada urlate ai quattro venti. Dopodiché, ci ripensi: scherzavamo, niente fumo in auto. Ma, di certo, questa seconda notizia non avrà lo stesso risalto sui quotidiani che contano. Ormai il gioco è fatto e l’incasso mediatico-pubblicitario è avvenuto. Chissenefrega più della sicurezza in macchina e della salute del guidatore e del passeggero e dei bambini, che aspirano fumo passivo col rischio di tumore. Massì, passata la festa mediatica, gabbato lo santo automobilista.

Proprio per questo, noi di Automobilista.it, oltre a parlare di ipotesi di legge, non abbiamo mai fatto i nomi dei politici che hanno avanzato quella proposta.

Tuttavia, una considerazione s’impone. Il fumo in auto che prima c’è, poi viene vietato temporaneamente sui mass media, poi ritorna, è la spia d’un Paese incivile dal punto di vista della sicurezza del guidatore e della salute di chi sta in auto. Nonché lo specchio dello spessore politico di chi ci rappresenta in Parlamento. Non vi pare?

foto flickr.com/photos/trazomfreak

di Ezio Notte @ 17:54


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. […] la commedia del divieto di fumo in auto, prima proposto e poi buttato nel gabinetto dai politici, ecco che i […]

    Pingback by I 150 km/h in autostrada per ingraziarsi l’automobilista | Automobilista.it — 5 dicembre 2009 @ 18:14

  2. […] rifarlo, ridiscuterlo. Per poi magari cambiarlo di nuovo. E poi altri emendamenti, altra pubblicità gratuita sui mass media compiacenti da parte di politici che fanno a gara a chi la spara più […]

    Pingback by Sicurezza stradale: a che gioco si gioca in Parlamento? | Automobilista.it — 10 dicembre 2009 @ 22:32

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.