OmniAuto.it

3 settembre 2011

Come vi avevo anticipato, arriva la legnata per i ricorsi al Giudice di pace contro le multe: rito del lavoro

Rito del lavoro: sono guai

Mentre è mistero fitto sui giorni per fare ricorso (restano 60?), arriva la stangata per chi fa ricorso al Giudice di pace contro le multe. Come Automobilista.it vi ha ampiamente anticipato, si seguirà il rito del lavoro. La questione diventa enormemente più complessa per il cittadino.

Cosa può succedere.

1) Nella lettera di ricorso al Giudice di pace, non si potrà più essere generici. Andrà indicato l’organo esatto contro cui ci si oppone: se la multa è fatta dai Vigili, fai ricorso contro il Comune; se la multa è fatta dalla Polizia stradale, fai ricorso contro il ministero dell’Interno. Non sei preciso? Nessun problema: sanzione confermata dal Giudice di pace.

2) Non è più la Cancelleria del Giudice di di pace a comunicare il giorno dell’udienza a te e alla controparte. Sarai tu a fissare la data (a partire da un certo termine dopo la presentazione del ricorso); e sarai tu a dover comunicare quella data alla controparte.

di Ezio Notte @ 16:17


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.