OmniAuto.it

24 settembre 2013

Cos’è questa storia delle foto del Tutor? Fate subito ricorso contro le multe!

Tutor, che business...

Sua infallibilità Tutor, lo strumento che secondo i quotidiani (esperti di copiaincolla) è immortale, inappellabile, irripetibile, dimezza i morti a tutto spiano e fa pure il caffè, si becca un’altra batosta. Si legga la sentenza emessa dal Giudice di pace di Ovada, in Liguria, riguardo al Tutor sulla autostrada A7, che collega Genova a Milano. Il Giudice ha pienamente e legittimamente dato ragione a un automobilista multato. 0

1) L’avvocato Paola Pardini ha accolto l’istanza. Nel ricorso, la Glob (fa parte dell’Associazione nazionale consumatori) – che ha assistito l’automobilista – ha puntato l’indice contro l’apparecchiatura fotografica. Mario Grasso, responsabile della Onlus: “La macchina fotografica non è uno strumento di misurazione, quindi non è possibile tararla. Lo è, invece, il Tutor, che mandano un impulso alla macchina fotografica. Così come tra un computer e una stampante talvolta il segnale è recepito in ritardo, quindi la foto potrebbe essere scattata a un veicolo che segue quello che commette l’infrazione”. Pazzesco.

2) Sul verbale notificato all’automobilista non è stato specificato che tipo di Sicve è utilizzato sulla A-7, quindi a rigore impossibile verificare se il sistema sia tarato o no. Incredibile, che scandalo.

Occhio. C’è una direttiva che stabilisce che qualsiasi strumento di misura utilizzato per transazioni di natura economica debba essere sottoposto a taratura periodica. Solo se periodicamente verificato, lo strumento di misura fornisce quella che si chiama verità della misura (incertezza al 95% di confidenza). Allora: il sistema è sì o no verificato? Qui è la questione.

Per info e aiuti multe e ricorsi: ezio.notte at omniauto.it

di Ezio Notte @ 01:05


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. Siamo sicuri di quello che dice il giudice di pace? Davvero stiamo dicendo che il Tutor è un sistema che non funziona? Che è stato pensato a scopo di lucro?
    Ma tutte queste sue affermazioni oggetto di lettura da parte di cittadini già incazzati per le vicende della squallida situazione italiana, a cosa servono se non supportate da fatti concreti?
    Perché lei cita SEMPRE solo le sentenze dei giudici di pace e non verifica e scrive come poi sono evolute tutte le questioni? Perchè, se è vero tutto quello che si scrive, il sistema continua a lavorare? Forse perchè poi ogni sentenza viene poi smonatata!
    Io dico solo che qualche giorno fa, se non avessi visto all’ultimo istante un pazzo con un SUV che mi è passato affianco ad almeno 220 all’ora, forse ora non sarei qui a raccontarglielo. Faccio presente che dopo qualche kilometro, quando è iniziata una tratta Tutor, lo stesso SUV procedeva a 100 km all’ora, anzi, addirittura frenava (inutilmente) sotto i portali….meschino!!!
    Per questo, e solo per questo, il sistema Tutor funziona eccome. Io mi sento più sicuro dove è installato.
    E mi auguro che non siano le sentenze dei giudici incompetenti e gli articoli di giornalisti sensazionalisti a metterlo in discussione….ma siamo in Italia e noi siamo bravi a mandare avanti gli idioti e a bloccare iniziative utili.

    PS
    non mi risponda che i sistemi servono solo a fare soldi, perché se in Autostrada qualcuno va a 200 è giusto che poi paghi.

    Commento by Massimo — 24 settembre 2013 @ 09:58

  2. Gent.le Sig. Massimo, sono pienamente d’accordo con Lei sul fatto che il tutor funzioni e sia un ottimo deterrente per chi ha il piede pesante e questo è stato dimostrato sul campo con una riduzione degli incidenti. La inviterei però a leggersi tutti gli articoli sul tutor/vergilius che il Sig. Ezio Notte ha pubblicato circa 118), dopo che avrà letto dovrebbe chiedersi se chi ha in uso il tutor non dovrebbe essere il primo a rispettare le regole, sia quelle di una regolare omologazione,( che a quanto sembra tanto regolare non lo sia),sia quelle di mercato. In particolare si legga gli articoli del 27 luglio e 2 agosto 2013,oltre a tutti gli altri.
    cordiali saluti

    Commento by barrique — 24 settembre 2013 @ 11:07

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.