OmniAuto.it

10 dicembre 2011

Crash test NHTSA della 500: Fiat, questa è sfiga!

Sfortuna

In origine, qualche giorno addietro, fu Fiat Panda: 4 stelle al crash test Euro NCAP. Soprattutto per l’assenza di Esp, il controllo di stabilità elettronico. Ma qualcosa non ha funzionato anche nella prova dei bimbi in auto. Adesso, la Fiat 500 “segata” nella versione per il mercato americano:  3 stelle nei crash test NHTSA: National Highway Traffic Safety Administration.

Quattro problemi.

1) La 500, nell’urto laterale, ha beccato solo 2 stelle su 5: una débâcle.

2) Il Cinquino Usa è diverso da quello venduto in Europa, proprio per superare i test americani, molto più severi di quelli europei (in particolare, la velocità al momento dell’impatto è più alta). Che delusione.

3) Gli americani sono più sensibili degli europei quando si parla di sicurezza. Per non parlare della loro fobia per le auto piccole, considerate rischiose.

4) Che Euro NCAP e NHTSA si mettano d’accordo. Noi pendiamo dalle loro labbra. Crash test Euro NCAP della 500 europea: 5 stelle. Crash test NHTSA della 500 americana (ancora più massiccia di quella europea): 3 stelle. Qualcosa non quadra. Uno dei due dice fesserie. Si parlassero fra di loro e dicessero chi la spara più grossa.

di Ezio Notte @ 00:01


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. La velocità nel test americano è più bassa (circa 56 km/h contro 64 se non ricordo male)… Il test è più severo perchè nei test Euro NCAP l’ostacolo è deformabile mentre in quelli dell’ NHTSA è rigido e quindi l’energia dell’urto viene assorbita completamente dalla macchina e non in parte dalla macchina e in parte dall’ostacolo…
    Semplicemente come al solito le normative americane sono meno cervellotiche e più severe di quelle europee, è una questione di mentalità. Basta paragonare i crash test per i caschi da moto, la SNELL è molto più severa e semplice(i punti di impatto non sono prestabiliti…)

    Commento by BP — 15 dicembre 2011 @ 12:23

  2. grazie per la precisazione!

    Commento by Ezio Notte — 17 dicembre 2011 @ 15:27

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.