OmniAuto.it

4 marzo 2013

Delirio animalesco

Urlo animalesco

Se non ci fosse da piangere, si potrebbe anche ridere. Col nuovo Codice della strada, in vigore da qualche mese, sono cavoli amari per un guidatore che non soccorre un animale. Tutto sommato, la regola è pure giusta. Dico tutto sommato, non per mancanza di rispetto verso gli animali, ma perché qui occorre prestare la massima attenzione alle parole. Cosa vuol dire soccorrere? Occhio: non significa scendere dall’auto e verificare le condizioni della bestia, né toccarlo, né tentare di rianimarlo. Perché se becchi un bestione inferocito – proprio perché ferito – che ti tira una zoccolata in mezzo ai denti, andiamo male davvero. Soccorso uguale chiamare aiuto. E chi chiami? Mistero. Non esiste un numero unico. Non c’è un numero d’emergenza veterinario. Non hai un ente, una persona di riferimento. Scendiamo nel pratico: telefoni alla Polizia, che ti rimbalza ai Vigili, che ti girano al Servizio veterinario, che ti dice di contattare l’Azienda sanitaria locale. Così, tu sei sul bordo della strada, al buio, con la bestia ferita, il cellulare in mano, la gente che ti fa impazzire per telefono, e attendi che qualcuno ti aiuti affinché la bestia venga aiutata.

E passi per questo guaio che t’è capitato tra capo e collo. Ma la batosta violentissima arriva dopo. Chi paga i soccorsi? Non è come per l’uomo, coperto dal Servizio sanitario nazionale. Chi paga per il cane, la vacca, il cervo, il lupo mannaro imbestialito e sofferente? Sorpresa: paghi tu. Prepara 1.000-2.000 euro caldi caldi.E se non paghi, ti metti contro la Pubblica amministrazione, la burocrazia, lo Stato. Sta’ trnquillo, che le cucuzze te le tirano fuori dal salvadanaio, in un modo o nell’altro.

Risultato: chi ha concepito la legge, i signori politicanti, l’ha fatto soprattutto per una questione d’immagine. Della serie: avete visto, siamo dalla parte degli animali, ragioniamo in modo civile e moderno. E come no. Peccato che senza prima stabilire un numero d’emergenza veterinario, e senza specificare quali siano esattamente gli obblighi per gli automobilisti, e senza fissare un principio fondamentale (per le cure della bestia paga lo Stato), quelle nuove regole rappresentino solo un delirio animalesco.

di Ezio Notte @ 00:00


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. ahhhhhhhhhhhhhhhhhhh………

    la cosa buffa è che da un lato lo devi soccorrere con quello che può comportare e dall’altra………..
    un animale vacante (dicesi ungulati i cinghiali, daini ecc… o randagio) sono, comunque, pericoli per la circolazione stradale e, in caso di scontro, il danneggiato potrà chiedere il risarcimento dei danni subiti o alla Provincia competente insieme alla Regione (per la fauna selvatica) o al Comune e ASL (per i randagi) o al padrone del es. cane che va a giro senza controllo ne custodia…..

    e allora che faccio … soccorro, chiamo (non si sa chi), pago (non si sa quanto e a chi), poi sono danneggiato e richiedo il risarcimento anche di quanto ho pagato ???

    e se non lo faccio mi multano ???

    Anche secondo me c’è qualcosa che non torna

    Commento by Fabrizio Gonnella — 5 marzo 2013 @ 18:09

  2. e’ tutto vero quel che dici, ti ho trovato online per caso e nn ti lascero’ piu': sei grande. la questione animali-soccorso e’ una buffonata all’italiana.

    Commento by Franci — 6 marzo 2013 @ 13:29

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.