OmniAuto.it

28 maggio 2012

È tornato il terrore dei sette mari: l’Euro NCAP

Cinque stelle non si negano a nessuno

I severissimi test del severissimo Euro NCAP eseguiti con la massima severità da severissimi membri aiutati da severissime tecnologie hanno severamente torchiato quattro vetture: BMW Serie 3, Hyundai i30, Mazda CX-5 e Peugeot 208.

Purtroppo, le quattro macchine sono state severamente esaminate, a tal punto che con la massima severità l’Euro NCAP le ha… promosse a pieni voti: cinque stelle a tutte. Una pioggia (severa) di 20 stelle equamente divise fra le quattro auto.

È il segno che il severissimo Euro NCAP fa una paura fottuta alle Case automobilistiche. Ora più di prima, perché c’è il severissimo test dell’investimento pedone da superare con almeno 60 punti su 100 per arrivare alle cinque stelle. Un’impresa titanica: infatti, tutt’e quattro le vetture sono andate oltre il 60% di punteggio, guarda un po’.

Io questi crash test così concepiti non li capisco. A che serve promuovere quattro auto a pieni voti? Che cosa vuol dire dare cinque stelle a tutt’e quattro le vetture? Possibile che sia così terribilmente difficile imporre un criterio cazzuto, che implichi la bocciatura di quasi tutti i veicoli?

Un esame severo, per essere tale, deve vedere promossa al massimo una macchina su 10, dotata di sistemi si sicurezza come nessun’altra auto. Va premiata l’eccellenza. Lo squallido “sei” politico è inutile e svaluta i crash test.

di Ezio Notte @ 22:38


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.