OmniAuto.it

11 novembre 2013

E adesso, chi glielo dice ai quotidiani che con gli autovelox e il Tutor l’Italia nel 2012 non ha ancora dimezzato le vittime?

'o Tutòr

Spiace evidenziare che il Tutor ha fatto flop. Nel 2012, l’Italia non ha centrato l’obiettivo di dimezzare i morti. Quando doveva ridurre del 50% i morti? Nel 2010, dal 2001. C’è riuscita nel 2010? No. Eppure l’Italia è piena di autovelox, sempre di più ovunque. Eppure c’è crisi, si va meno in auto. Eppure dal 2006 c’è il Tutor. Com’è possibile che l’Italia abbia fatto flop in materia di sicurezza stradale? E va bene, direte voi, ce l’avrà fatta nel 2011, che diamine. Macché. Un altro ennesimo flop.

Oh sant’Iddio, allora nel 2012: sicuro. C’è il Tutor. Gli autovelox. Il T-red. Il Vergilius. Ma soprattutto lui, il magico Tutor. Sì, sì, il 2012 è l’anno buono. Sentiamo l’Istat come sbrodola: “Nel 2012 si osserva una riduzione, rispetto al 2011, del numero di incidenti con lesioni a persone, morti e feriti su tutti gli ambiti stradali. Tale diminuzione è più accentuata sulle autostrade, dove si registra un calo del numero degli incidenti con lesioni del 14,6%, dei morti del 2,4% e dei feriti del 14,4%. Va segnalato che il calo dell’incidentalità sulla rete autostradale è iniziata nel 2008, ha raggiunto un picco nel 2009 (con una flessione del numero di morti del 22,6% rispetto all’anno precedente), ha subìto una battuta d’arresto tra il 2009 e il 2010, per poi proseguire fino al 2012. Si tratta di un importante risultato ottenuto soprattutto a seguito dell’implementazione del sistema Tutor di controllo elettronico sulla velocità media, introdotto nel 2006 e diffusosi progressivamente su un numero sempre crescente di tratte autostradali”.

E allora, il Tutor! Evviva, facciamo festa.

Già, ma poi, laggiù, in una mezza righina, l’Istat dice sottovoce: “Tra il 2001 e il 2012 la riduzione delle vittime della strada è stata pari al 48,5%, con una variazione del numero dei morti da 7.096 a 3.653″.

Nooooo. E il Tutor? Qui non si parla di Tutor. Adesso, chi glielo spiega ai quotidiani online che sparano nel frullatore online: incidenti in calo, grazie a Tutor e autovelox. Chi glielo spiega che in Europa abbiamo fatto una figura di palta bucando il target del 2010, non raggiungendolo nel 2011 e neppure nel 2012?

di Ezio Notte @ 23:01


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.