OmniAuto.it

23 luglio 2011

Emilia-Romagna promossa in sicurezza

Brava Emilia-Romagna

La Regione Emilia-Romagna ha raggiunto l’obiettivo, indicato dalla Commissione europea, di dimezzare entro il 2010 la mortalità sulle strade, partendo nel 2000. Lo dicono i dati del Sistema informativo sull’incidentalità stradale messo a punto nell’ambito del progetto Mister.

In Emilia-Romagna, nel 2010, 20.000 incidenti e 401 decessi; nel 2001, 813 morti.

Complimenti. Un esempio per tutti. Anche per l’Italia nel complesso, che ha miseramente fallito: vedi qui.

Trovate altri dati qui: “Le categorie che hanno maggiormente contribuito al calo della mortalità sono i ciclomotoristi (80% di decessi in meno rispetto al 2001) e gli automobilisti (65% in meno); aumentati invece del 14% i morti tra i motociclisti (su cui comunque si registra una riduzione del 31% rispetto al 2005).  Nel complesso gli utenti cosiddetti “deboli” (pedoni, ciclisti, ciclomotoristi e motociclisti) rappresentano il 54% dei morti e il 37% dei feriti. Di questi, 69 morti e 1679 feriti sono pedoni (32% in meno del 2009 i morti, costanti i feriti), mentre 50 morti e 3099 feriti sono ciclisti (32% in meno i morti, 3% in più i feriti)”.

di Ezio Notte @ 12:52


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.