OmniAuto.it

17 dicembre 2013

Enjoy Fiat-Eni, car sharing a tempo che fa correre: silenzio sui rischi per la sicurezza stradale

Andate piano: meglio spendere di più, ma guidare sicuri

Sono in arrivo a Milano più di 300 Fiat 500 Enjoy che da gennaio diventeranno circa 650 (tra cui circa 50 Fiat 500L), pronte a rivoluzionare l’idea del car sharing cittadino. La flotta, di colore rosso fiammante e col logo Enjoy su entrambe le portiere, è equipaggiata per trasportare in tutta comodità fino a quattro persone sulla Fiat 500 e cinque sulla Fiat 500L. Trovare l’auto più vicina e prenotarla sarà semplice con l’app per smartphone (Android ed iOS) o il sito internet enjoy.eni.com. Ma sarà possibile anche sceglierne una libera lungo la strada per partire subito con il noleggio. Le auto avranno libero accesso all’Area C di Milano e potranno essere rilasciate al termine dell’utilizzo (ma anche in sosta) in qualsiasi parcheggio consentito all’interno dell’area coperta dal servizio (modello free floating): sulle strisce gialle per i residenti, sulle strisce blu gratuitamente ed anche nelle aree parking riservate e segnalate presso le Eni Station cittadine. E ancora: pneumatici all season per muoversi nella stagione più fredda. Un service team dedicato ai controlli di sicurezza e qualità della flotta che opera in tutta l’area di copertura nonché un call center dedicato e competente. Sono tante le soluzioni pensate da Eni per dare una nuova energia alla mobilità delle persone, poiché utilizzare bene l’energia si traduce in tanti gesti e comportamenti quotidiani, come mettersi al volante di un’auto in condivisione con altri cittadini.

Queste 650 Fiat 500 si uniranno alle 450 Smart di Car2go. Fanno 1.100 auto in più a Milano.

1) Mi ricordo che il Comune di Milano aveva detto, una volta: meno auto a Milano, ché sennò non si respira e c’è troppo casino. Già. Gli ecologisti. Ora però, d’un tratto, ecco le 1.100 auto. Che messe in coda occupano per benino la circonvallazione di Milano. Sono auto elettriche? No. Inquinano. E sono sempre in giro, non stanno quasi mai ferme. Inquinano a tutto spiano. Pazienza. Ce ne ricorderemo quando il sindaco Pisapia e l’assessore alla Mobilità Maran ci diranno che a Milano non si respira. Allora, dobbiamo usare i mezzi pubblici, sì o no? Che casino bestiale che hanno messo in piedi. E con che coraggio…

2) Il car sharing Car2go ed Enjoy è a tempo. Se usi l’auto un minuto paghi poco. Per cinque minuti, di più. Per un’ora, ancora di più. Non è a chilometri percorsi. Occhio: con la crisi bestiale che affama i cittadini, coi giovani che si danno sempre da fare in macchine, la sicurezza stradale è a rischio. Si corre, si paga meno. Attenzione ai semafori rossi, all’alta velocità, alle distanze di sicurezza, ai sorpassi azzardati. Io predico nel deserto. Lo so. Rompo le palle. È così bello fare copiaincolla dei comunicati e sbrodolarli sui quotidiani online. E parlare di auto sfiziose e d’un rosso fiammante. Ma la realtà è dura. E qui, su questo blog, si fa informazione di qualità. Ve lo garantisce il vostro ezio.notte at omniauto.it.

di Ezio Notte @ 00:05


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.