OmniAuto.it

12 giugno 2013

Equitalia, proroga per i Comuni: il primo disastro del Governo Letta

L'aiutino ino del Governo ai Comuni

Per la smania di aiutare i Comuni (carrozzoni politici da abolire, alla pari delle Province), il Governo Letta combina il primo pasticcio.

Per decreto del Governo Letta, “i Comuni possono continuare ad avvalersi per la riscossione dei tributi dei soggetti di cui all’articolo 7, comma 2, lettera gg-ter), del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla legge  2 luglio 2011, n. 106, anche oltre la scadenza del 30 giugno e non oltre il 31 dicembre 2013”. È una proroga. Che salva le chiappe ai Comuni. I quali sapevano già da due anni della fine del rapporto con Equitalia: non si sono organizzati, e sono stati salvati dal Governo. Primo errore: lanciare sempre ciambelle di salvataggio a politici incapaci.

E vabbè. Ma il secondo guaio è che “il nuovo comma 2-ter, consente ai Comuni di continuare ad avvalersi di Equitalia fino al 31 dicembre 2013. Tale norma consente quindi di superare la scadenza del 30 giugno prossimo, a decorrere dalla quale la società Equitalia e le società per azioni dalla stessa partecipata dovrebbero cessare – secondo quanto stabilito all’articolo 7, lettera gg-ter), del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, e successive proroghe – di effettuare le attività di accertamento, liquidazione e riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate dei Comuni e delle società da questi ultimi partecipate”.

Che cosa? Perché si parla di entrate in modo generico? Perché non si dice chiaro e tondo che si tratta, in particolare, del miliardo e mezzo di euro di multe per infrazioni al Codice della strada?

Possibile risposta: il Governo avrebbe voluto dire di no ai Comuni, sapeva che il “no” era un atto dovuto, legittimo, da nazione nordeuropea; ma ha voluto fare un “mezzo provvedimento”, in cui dice e non dice. Non si sbilancia. Salva i Comuni e al contempo mette loro un pochino di pressione. Come dire: potrebbe essere l’ultima proroga. Potrebbe. Perché al momento giusto, un qualsiasi Governo (Berlusconi, Monti, Letta) i Comuni li salva sempre. E pure le Province. Troppi politici, troppi costosissimi carrozzoni che si sorreggono un po’ a vicenda. Così non ne usciamo vivi.

di Ezio Notte @ 00:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.