OmniAuto.it

19 dicembre 2012

Falconara Marittima: il distributore è low cost. L’automobilista lo sa sfruttare?

Sicuro che risparmi?

Marche, in quell di Ancona: a Falconara Marittima (via Marconi 61), apre la prima stazione di servizio Tamoil-Simply, quest’ultima insegna dei supermercati del Groupe Auchan. Per la campagna di lancio sconti eccezionali. Ha una superficie di 3.100 metri quadri, con locale ricovero per il gestore, ed è provvista di tre isole multi prodotto, dove è possibile rifornirsi di carburante in modalità self service e pagare in contanti o con bancomat, carte di credito (Mastercard, Visa e Moneta) e mycard Tamoil. Il nuovo distributore Tamoil-Simply garantisce al consumatore il prezzo più basso della zona su benzina verde e gasolio. Per la campagna di lancio, a fronte di un rifornimento di carburante di almeno 40 euro, viene offerto un buono sconto da 3 euro da utilizzare per la spesa in uno dei tre punti vendita della zona: IperSimply di via Marconi e Simply di viale Umbria a Falconara e Simply di via Maestri del Lavoro a Chiaravalle.

“Con i continui rincari del prezzo del carburante, abbiamo voluto dare un segnale forte ai nostri clienti, investendo in un servizio che esula dal nostro core business, ma che è in linea con il posizionamento dell’insegna. – dichiara Lorenzo Bertini, Direttore Regionale Simply Italia – Come abbiamo fatto con le parafarmacie e i libri di testo scolastici, anche con le benzine vogliamo contribuire a portare concorrenza nel settore, per trasferirne i benefici in termini di risparmio alla clientela”.

La stazione di servizio di Falconara è il terzo supermarket di benzina low cost aperto da Simply Italia, al quale faranno seguito altri non solo nelle Marche ma anche in Lombardia e nel Veneto. Entro il 2013 saranno una quindicina i distributori a marchio Simply presenti sul territorio nazionale. L’obiettivo dell’azienda è di far risparmiare tutti i clienti, dotando di distributori di benzina tutti i supermercati d’attrazione della rete.

Ma il problema è: se l’automobilista fa benzina da sé, è davvero in grado di risparmiare? Andate in qualsiasi self service, e controllate: ci sono tracce di benzina ovunque. È il cliente che ha sparso carburante in ogni dove. Perché non è capace di fare benzina, perché quello non è il suo mestiere, perché ha fretta, perché viene messo sotto pressione da chi è in attesa. Oppure perché è avanti con l’età, o ha le arterie che si stanno indurendo.

Quindi, entri toro per fare il pieno risparmiando dove c’è fila; esci mucca, perché alla fine hai speso quasi come in modalità servito da un comune benzinaio. Senza sporcarti le mani (ho visto gente che poi si tocca naso e occhi, pazzesco), e nella massima igiene.

E se pure stai abbastanza attento (credi di esserlo, non è il tuo mestiere…), occhio perché ii soldi che hai forse risparmiato alla pompa li spenderai al supermercato. Dove entri e compri tutto il superfluo possibile e immaginabile. Come sempre.

di Ezio Notte @ 22:10


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.