OmniAuto.it

25 luglio 2012

Fatevi dare tutti i soldi dalla signorina Assicurazione

Fate valere i vostri diritti

Faccio un incidente. Sono una vittima, perché l’altro mi ha tamponato. Io e l’altro guidatore (in apparenza assicurato) facciamo una specie di “constatazione”: ho diritto al risarcimento da parte della Compagnia se poi si scopre che la Rca dell’altro guidatore era fasulla? Sì. Lo ha detto la Cassazione.

“Ai fini del risarcimento dei danni subiti in conseguenza di un incidente stradale, il danneggiato, il quale abbia proposto azione diretta contro l’assicuratore del responsabile del sinistro nel ragionevole affidamento della veridicità del contrassegno assicurativo da questi esibito, è esonerato dall’onere di accertare se il contratto di assicurazione del danneggiante sia ancora vigente o se, invece, sia stato sciolto”: così la Cassazione VI sezione civile, con l’ordinanza 5 luglio 2012, numero 11295.

Infatti, il rilascio del contrassegno assicurativo da parte dell’assicuratore vincola quest’ultimo a risarcire i danni causati dalla circolazione del veicolo quand’anche il premio assicurativo non sia stato pagato ovvero il contratto di assicurazione non sia efficace.

Con buona pace della signorina Assicurazione che non voleva tirare fuori i quattrini…

di Ezio Notte @ 21:47


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.