OmniAuto.it

6 settembre 2010

Follie: un guidatore di 102 anni può accompagnare un 17enne col foglio rosa; ma un 18enne col foglio rosa può essere accompagnato solo da un guidatore che abbia meno di 60 anni

Baby guidatori: novità importanti

Chi siede al fianco di un conducente di 18 anni (o più) in possesso di autorizzazione per esercitarsi alla guida (foglio rosa) non può superare i 60 anni d’età; che salgono a 65 anni se sono disponibili i doppi comandi sulla vettura (vedi macchine delle autoscuole). L’accompagnatore deve essere in possesso da almeno 10 anni di patente valida e di categoria corrispondente a quella che intende conseguire l’aspirante conducente o di categoria superiore (in questo caso non occorre che sia patentato da almeno 10 anni). Altrimenti, 389 euro di multa e fermo del veicolo per tre mesi. È una regola che Automobilista.it condivide.

Ma chi siede al fianco di un conducente di 17 anni in possesso di autorizzazione provvisoria alla guida di un’auto (foglio rosa) può anche superare i 60 anni: non ci sono limiti d’età. L’accompagnatore deve essere in possesso da almeno dieci anni di patente valida e di categoria B o superiore (anche per le patenti superiori occorre essere patentati da almeno 10 anni). Altrimenti, multa di 389 euro più fermo amministrativo dell’auto per tre mesi. Lo prevede il nuovo Codice della strada, arrivato il 1° agosto 2010.

Domanda: perché per un 18enne (e per i più vecchi) c’è il limite d’età dell’accompagnatore, mentre per il 17enne no? È una follia. La conferma che i nostri politici sono adorabili quando riscrivono le norme del Codice della strada.

foto flickr.com/photos/cupcakes2

di Ezio Notte @ 23:34


1 commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 1 Commento

  1. […] blog adora i politici italiani quando si occupano di sicurezza stradale. Adesso i politicanti hanno riscritto il Codice […]

    Pingback by Capodanno e Ferragosto, incidente per guida in stato d’ebbrezza non ti conosco | Automobilista.it — 8 settembre 2010 @ 00:03

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.