OmniAuto.it

30 novembre 2011

Forza Varese

Pigliali tutti, Varese!

Uno dei comportamenti più odiosi degli stranieri in Italia riguarda l’eccesso di velocità: pigiamo sull’acceleratore, tornano in patria, talvolta ricevono la multa (se il proprietario del veicolo viene individuato) e la buttano via, ben sapendo che mai e poi mai il Comune insisterà. Perché fare le notifiche costa. Inseguire lo straniero richiede risorse. A Varese, però, si sono incazzati.

È in atto un’operazione di recupero crediti. Investimento, 28.000 euro. Il Comune di Varese non fa da sé. Si è rivolto a una società specializzata per riscuotere gli importi. Ci sono 4.000 multe emesse nei confronti di automobilisti stranieri in due anni e mai pagate. Proprio perché beccare il proprietario della macchina avrebbe comportato un esborso tale da ridurre a zero l’entrata finale. Spendo 100 per scovare il responsabile, che mi paga 90, ci ho smenato 10. Il gioco non vale la candela; e tutti i Comuni desistono.

Ma Varese ha detto no. Alt. Qui si paga. Ed ecco l’aiuto della società esterna. Che può recuperre 160.000 euro.

E sapete quel è lo straniero più monello? Il 60% dei verbali è a carico di cittadini svizzeri. Ovviamente, incide il fatto che il confine è a due passi. Però c’è anche altro, dai: qualcuno ci tratta senza molto rispetto… Non credete?

di Ezio Notte @ 23:07


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.