OmniAuto.it

20 settembre 2013

Furto auto a noleggio: sei tu che paghi tutto

Lui ruba, tu paghi

Nel 2012, i furti d’auto sono costati al settore del noleggio veicoli oltre 42 milioni di euro. Lo scorso anno sono stati rubati complessivamente ai clienti del renting 4.400 veicoli (erano 4.395 nel 2011), e questo testimonia una situazione di costante emergenza per il comparto sul fronte dei furti, acuita ancora di più dal contesto di crisi economica e dalla semplice reperibilità di dispositivi tecnologici in mano ai ladri, sempre più avanzati e sofisticati.

Alla fine, sai chi paga? Tu. Le Società di noleggio fanno molto in  fretta.

1) La “responsabilità” per furto sarà molto più cara. Se oggi è 1.000 euro per un’utiliaria, domani sarà 1.100 euro. Significa che il titolare del noleggio paga 1.100 euro in caso di furto. Non vuoi quella responsabilità? Nessun problema: paghi un noleggio che è caro quasi il doppio. Così, addio alle offerte che costano poco.

2) Le macchine spariscono al Sud soprattutto. Qui, allora, il noleggio diverrà molto più caro. Con responsabilità in caso di furto enormi. Vuoi toglierle per non rischiare batoste? Manco per idea. Guarda che, al Sud, in molte Regioni, le Società di noleggio non consentono l’eliminazione delle responsabilità.

3) Quando dai la tua carta di credito in mano alla Società di noleggio, ti trattengono non solo la cifra corrispondente al prezzo vero, ma pure un bel 500 euro in più. Così, se l’auto ha danni, fa incidenti, o sparisce, loro un bel po’ sono coperti in automatico: ti succhiano quello che hai dentro la carta di credito.

Le Società di noleggio frignano per questi furti, ma hanno contromisure efficaci contro di te. Dovrebbero individuare e perseguire il ladro con forza ed efficacia, ma chi glielo fa fare? Meglio far pagare di più altri altri. E quando cominceranno a sparire le prime Smart di Car2go a Milano, ci sarà da ridere con franchigie, proteste, addebiti su carta di credito…

Per info e aiuti multe e ricorsi: ezio.notte at omniauto.it

di Ezio Notte @ 21:14


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.