OmniAuto.it

20 novembre 2010

Germania, Olanda e Polonia ci prendono a schiaffi: limiti di velocità da alzare

Limite a 150 km/h: Etsc contrario

Noi potremmo avere il limite di velocità a 150 km/h: lo prevede il Codice della strada dal 2003. Ma i gestori della rete autostradale (di proprietà dello Stato) lo tengono a 130 km/h, per timore di incidenti. Ci vorrebbe lo Stato a imporre il limite di 150, ma questo non avviene.

La lezione della Germania è severa da anni: parte delle autostrade non hanno il limite di velocità. Però guai a chi non rispetta la distanza di sicurezza, giustamente combattuta come un tumore. Al contrario, da noi abbondano Tutor e autovelox, ma la distanza di sicurezza viene pericolosamente dimenticata.

In questi giorni, è anche arrivato lo schiaffone di Olanda e Polonia all’Italia. L’Etsc, European Transport Safety Council (con sede a Bruxelles, è un’organizzazione no profit che si pone l’obiettivo di ridurre gli incidenti in Europa), fa sapere che il Governo polacco ha in progetto di introdurre il limite di 140 km/h. Mentre il Governo olandese punta ad aumentare il limite da 120 a 130 km/h.

L’Etsc (contrario ai limiti più alti) dice che questi progetti sono dovuti all’installazione di nuovi autovelox.

Per la miseria. In Italia, siamo pieni di telecamere e il limite resta a 130. Altrove, con intelligenza, lo alzano. È un modo di combattere il colpo di sonno e la stanchezza (la bassa velocità ti fa dormire): due fattori che rientrano poco nelle statistiche ufficiali, ma che di sicuro incidono sui sinistri per i quali non si capisce quale sia la causa.

di Ezio Notte @ 19:08


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.