OmniAuto.it

23 settembre 2012

Giraffa: se avesse causato un incidente, a chi rivolgersi per i danni?

In difesa della giraffa

Tiene banco la questione giraffa. La povera bestia, fuggita da un circo, è stata… “sedata”. Sì, insomma, alla fine è morta stecchita. Polemiche fortissime. Si deve identificare la causa del decesso e accertare eventuali responsabilità. Lo chiede la Federazione nazionale ordini veterinari italiani, in merito alla morte della giraffa: “La vicenda – dice la Fnovi – non deve essere in nessun modo derubricata a ‘stranezza’ o ‘incidente': è un dramma che ancora una volta nasce dalle modalità di detenzione degli animali nei circhi”.

Ecco la seconda bordata: “La tragedia di Imola – viene evidenziato nella nota della Fnovi – sembra dire con tutta evidenza che non vengono rispettate le norme a tutela dell’incolumità pubblica, senza quindi considerare né prevenire i rischi per animali e persone. Non sono perdonabili leggerezze e incapacità nella gestione di situazioni di emergenza perché la morte di un animale, qualsiasi animale, non può derivare da imprecisioni oppure da scelte dettate dal panico”.

Richiesta. La Fnovi chiede “l’accertamento dei fatti per chiarire se e quali inadempienze e errori si sono verificati: è doveroso conoscere nei dettagli quali siano state le sostanze farmacologiche utilizzate per sedare la giraffa, chi abbia calcolato i dosaggi e come sia stato gestito il risveglio per evitare la compressione degli organi vitali e la conseguente morte. Inoltre, se e come sia stato effettuato il trasporto”.

E c’è un’altra questione importantissima. Ma se io faccio un incidente, andando fuori strada a causa della giraffa che gironzola nella rotatoria (o di un altro animale da circo), chi mi paga i danni? Risposta: il circo + gli ammaestratori + la società che gestisce il circo in via solidale: ex artico 2052 Codice civile: “Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall’animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito”. A meno che il circo, alla fine, dimostri questo caso fortuito: gli animalisti (se è vero) che han liberato la giraffa.

Resta una certezza. L’uomo è l’animale più orribile e cattivo del globo terracqueo.

di Ezio Notte @ 14:45


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.