OmniAuto.it

10 novembre 2010

Gomme invernali: l’inchiostro simpatico della Provincia di Milano

Ora c'è, ora non c'è: magia

Il 19 ottobre noi di Automobilista.it andiamo a una conferenza stampa e ci viene detto: “La Provincia di Milano ha per la prima volta in assoluto adottato una misura resa possibile quest’anno dal nuovo Codice della strada. Dal 15 novembre al 31 marzo sulle strade di tutta la Provincia sarà possibile circolare solo se equipaggiati con pneumatici invernali o catene da neve a bordo, a prescindere dalla presenza di neve sulle strade. Questa misura è volta a migliorare in modo significativo la sicurezza sulle nostre strade nella stagione più a rischio per la mobilità a causa delle avverse condizioni meteo: freddo, ghiaccio, brina, pioggia e neve”.

Noi e altri mass media apprendiamo che la Provincia di Milano ha emanato un’ordinanza in tal senso.

Il 6 novembre, invece, la Provincia di Milano dice (occhio alle parole in grassetto): “La Provincia di Milano ha rinviato a data da destinarsi l’adozione dell’ordinanza relativa all’obbligatorietà di catene da neve o di pneumatici invernali lungo le Strade provinciali a partire dal 15 novembre – ha dichiarato oggi il presidente dell’Ente, Guido Podestà -. L’Amministrazione aveva provveduto a predisporre uno schema di ordinanza sull’onda delle prescrizioni, peraltro non vincolanti, contenute nel nuovo Codice della strada e rivolte ai gestori di reti stradali. Sono emersi diversi elementi che ci hanno suggerito di raccogliere gli inviti a rinviare l’entrata in vigore dell’ordinanza, tra l’altro non ancora firmata, rivoltici dalle associazioni”.

Quindi:

1) era uno schema di ordinanza, non un’ordinanza;

2) l’ordinanza (ma non era uno schema?) non era stata ancora firmata.

Cavolo, potevano dircelo prima che era uno schema d’ordinanza non firmata, e che ci stavano raccontando delle cose così per dire, e che magari saltava tutto. Non vi pare?

foto flickr by gagstreet

di Ezio Notte @ 00:01


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.