OmniAuto.it

6 settembre 2013

Guida ubriaco e già senza patente: che fare con un animale simile?

Alcol omicida

Alcol: in strada è un assassino. Su tre gravi incidenti, uno è dovuto all’ebbrezza. Così, dall’inizio dell’anno, sono state 60 le pattuglie di Polizia stradale messe in campo per contrastare il fenomeno delle cosiddette stragi del sabato sera, con 32 patenti ritirate a guidatori nella fascia di età compresa tra 18 e 32 anni su un totale di 57. C’è anche un programma di sensibilizzazione: da 13 anni la Polstrada lavora nelle scuole per diffondere l’educazione stradale tra le nuove generazioni, ma c’è ancora molto da fare, visto che il fenomeno della guida in stato di ebbrezza è ancora diffusissimo.

Eccone una prova drammatica. Un vigliacco potenziale omicida, che avrebbe potuto causare una strage. Sono le 7.30 di domenica mattina, quando la pattuglia della Stradale di Genova intima l’alt a una vettura guidata da un venticinquenne genovese A.M: assieme ad tre amici (tutti ventenni), stanno rientrando a casa.

Allucinante: il ragazzo, privo di patente, viene sottoposto a controllo tecnico mediante apparecchiatura etilometro edil risultato è positivo. Il tasso alcolemico è pari a 1,38 grammi su litro di sangue. Quasi il triplo del consentito. Ciò significa un’ammenda di 800 euro, l’arresto fino a 6 mesi, la sospensione della patente di guida da 6 mesi a 1 anno e la decurtazione di 10 punti.

Ma non è tutto. Il controllo in banca dati fa emergere che il conducente, nonostante la sua giovane età, ha già all’attivo numerosi precedenti penali. E negli anni 2011 e 2012 era già incappato nel reato di guida in stato di ebbrezza alcolica.

Per ciò che concerne il documento di guida, il ragazzo è stato denunciato anche per il reato di guida senza patente, in quanto il documento gli era stato revocato nel 2010.

Che fare con un animale del genere? Quale soluzione? Ditemi voi.

di Ezio Notte @ 00:00


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.