OmniAuto.it

14 luglio 2009

Guidare a 17 anni? Sì, ma solo auto poco potenti

A furia di fare e rifare il Codice della strada, di trasformarlo e rimodificarlo con decine di decreti legge, nascono norme molto difficili da leggere e interpretare. Prendiamo il testo che potrebbe diventare decreto a breve, ed esattamente la parte relativa ai neopatentati: è una delle più importanti, visto che su 100 incidenti che si verificano in Italia, 17 sono causati da un giovane fresco di licenza di guida.

È pur vero che l’idea di far guidare un 17enne col foglio rosa (se accompagnato da un guidatore esperto), ci trova del tutto d’accordo; però il Governo ha messo un paletto piuttosto importante. Infatti, i ragazzi col foglio rosa potranno stare al volante soltanto di macchine con una potenza limitata (cosiddetta potenza specifica): non oltre i 55 kW per tonnellata. Quindi, se in famiglia c’è una vettura con potenza superiore, il giovane non potrà guidarla, né con un esperto a fianco né, tantomeno, da solo.

La limitazione di potenza è una norma molto vecchia, ma mai entrata in vigore: da anni si attende un decreto che la renda effettiva. Varrà soltanto per chi ha il foglio rosa e per i neopatentati. Discorso diverso dopo un anno di patente: come ora, si potrà guidare qualsiasi auto, anche una Ferrari.

E ancora, tenete presente queste altre limitazioni. Secondo l’interpretazione prevalente, il 17enne col foglio rosa (al volante di auto con potenza limitata e con persona esperta a fianco) non potrà andare in autostrada. Invece, dovrà rispettare il consueto limite di 110 km/h sulle strade extraurbane principali, tetto che vale per tutti i patentati.

Dopodiché, nei tre anni successivi a quando avrà preso la patente, i limiti in autostrada scenderanno: 110 km/h, anziché i normali 130. Discorso diverso per le extraurbane principali: oggi il limite per i neopatentati è di 90 km/h (contro 110 normali); col decreto, scenderà a 70 km/h.

di Ezio Notte @ 18:06


Nessun commento

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI Nessun Commento

Per ora ancora nessun commento.

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.