OmniAuto.it

30 marzo 2010

Il figlio ha il vizio di guidare ubriaco? Niente sequestro dell’auto di papà. Non siamo d’accordo

Papà: ogni tanto deve fare rima con severità

Papà: talvolta deve fare rima con severità

Importante novità che riguarda la guida in stato d’ebbrezza. Non può essere sequestrata l’auto di proprietà del papà, se il figlio si mette al volante ubriaco. Questo vale pure se il papà sa che il figlio, in passato, già una volta è stato fermato per guida in stato di ebbrezza. Parola di Cassazione: sentenza numero 11791 del 26 marzo 2010.

La Suprema Corte ha respinto il ricorso della Procura di Vercelli: questa si opponeva alla restituzione dell’auto appartenente al padre di un ragazzo fermato ubriaco alla guida. Infatti, secondo la Cassazione, vero il papà non c’è la “rimproverabilità per omessa sorveglianza sul comportamento dell’indagato: la conoscenza di tali precedenti (risalenti a sei anni prima dell’episodio all’origine dell’attuale procedimento penale) non valeva a escludere la buona fede del padre, in quanto non era ragionevolmente esigibile che il padre si rifiutasse di prestare l’autovettura al figlio, in assenza di più recenti e attuali comportamenti in base a cui prevedere la ulteriore commissione di reati come quello per cui si procede”.

Automobilista.it non condivide questa interpretazione della Cassazione: se il papà sa che il figlio ha il vizietto di guidare ubriaco, non dovrebbe mai più dargli la vettura. Se invece gliela presta, dovrebbe scattare il sequestro in caso di guida del ragazzo sotto l’effetto di alcol.

A tale proposito, sentiamo anche Luigi Bechi (grande ricercatore di sentenze su Internet, nonché collaboratore di diverse testate): “I casi sono due. O il figlio sottrae le chiavi del genitore e quest’ultimo pur sapendo di avere un figlio alcolizzato non sa che lo stesso guida l’auto di sua proprietà e quindi l’auto non è confiscabile. Oppure il genitore sa tutto e consente che il figlio guidi l’auto. A quel punto non solo la macchina, secondo me, dovrebbe essere confiscabile, ma addirittura il genitore a mio avviso sarebbe imputabile in concorso di stato di ebbrezza alla guida assieme al figlio”.

Invece, secondo voi, è giusto che non scatti il sequestro?

foto flickr.com/photos/powerbooktrance

di Ezio Notte @ 21:10


2 commenti

È possibile seguire tutte le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.


QUI 2 Commenti

  1. Ma stiamo scherzando? dovrebbe essere direttamente il padre a togliergli l’auto…. e magari anche la paghetta, il cibo, l’acqua etc….

    Commento by Sara — 31 marzo 2010 @ 09:01

  2. […] l’articolo 186 del Codice della strada: “Guida sotto l’influenza dell’alcol. 1. È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche. 2. […]

    Pingback by Le colpe dei politici: un Codice della strada che viene perforato. Il caso alcol mezzo grammo | Automobilista.it — 2 aprile 2010 @ 14:05

RSS feed dei Commenti su questo post.



Ci scusiamo, i commenti sono al momento chiusi.